Quantcast

Ucciso a sangue freddo sulla porta di casa, il fermato resta in carcere: respinta la richiesta dei domiciliari della difesa

Il presunto killer che ha sparato alla vittima è ancora ricercato

Resta in cella alla Dogaia di Prato Andrea Costa, il 38enne fermato poco ore dopo dall’omicidio di Gianni Avvisato ucciso a sangue freddo a colpi di pistola sulla porta della sua abitazione in via Boccaccio a Comeana.

Gli suonano al campanello e gli sparano sulla porta di casa: 38enne ucciso sul colpo

Omicidio a Prato, c’è un fermato: interrogato per ore ha negato di aver sparato

Il gip, dopo l’interrogatorio di garanzia, durante il quale il 38enne si è avvalso della facoltà di non rispondere,  ha infatti tramutato in arresto, con la custodia in carcere, il fermo dei carabinieri, respingendo la richiesta di domiciliari fatta dai suoi legali, gli avvocati Mattia Alfano e Massimo Nistri che, comunque, hanno già annunciato che faranno ricorso al tribunale del riesame.

L’uomo è accusato di concorso in omicidio.

Il presunto killer, esecutore materiale del delitto, è ancora ricercato in tutta Italia e all’estero. 

Ammazzato sulla porta di casa: ricercato in tutta Italia il presunto killer, era evaso dai domiciliari per andare a uccidere

Sul movente del delitto, ancora non chiaro, stanno indagando i militari dell’Arma, che stanno passando al seteccio il passato della vittima, incluso il cellulare

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.