Quantcast

Prosecco e vino rosso a due minorenni: sospesa la licenza a un locale in centro a Firenze

Un altro caso di alcol a minori: il questore della provincia di Firenze sospende per 5 giorni la licenza ad un altro pubblico esercizio del centro storico di Firenze

Da oggi, sempre per un caso di alcol venduto a minori, il questore della provincia di Firenze Maurizio Auriemma ha sospeso la licenza, ai sensi dell’articolo 100 del Tulps, ad un pubblico esercizio del centro storico di Firenze.

Il provvedimento è stato adottato a seguito della vendita di un paio di bottiglie di vino – una di prosecco bianco e una di vino rosso – ad una giovane di 17 anni in compagnia dell’amica 14enne.

Lo scorso 13 gennaio la polizia di Stato è infatti intervenuta all’ospedale di Santa Maria Nuova dove era stata accompagnata in ambulanza una 17enne in stato di incoscienza dovuto all’eccessiva assunzione di alcolici.

Una volta ripresa conoscenza la ragazza è stata ascoltata dagli agenti che sono così rapidamente risaliti al luogo dove la giovane, in compagnia dell’amica, aveva acquistato il vino.

Gli investigatori hanno poi avuto conferma di quanto appreso, quando sono andati ad acquisire le immagini della videosorveglianza interne dell’esercizio.

Nel provvedimento adottato dal questore è evidenziato come sia emersa dai fatti in questione una situazione di pericolosità tale da dover intervenire al fine di scongiurare che la vendita di alcolici a minori da parte del pubblico esercizio possa avere ulteriori e peggiori conseguenze, provocando allarme sociale.

Il questore ha quindi ritenuto la sussistenza delle condizioni di pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini poiché presso il pubblico esercizio in questione, con inavvedutezza e noncuranza, sono stati venduti alcolici a minori, tenendo una condotta che ha creato pericolo per la salute dei giovani clienti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.