Andrea Lanfri porta la Toscana sul ‘tetto del mondo’: a lui una targa dal consiglio regionale

La cerimonia questa mattina a Firenze. L'alpinista capannorese è stato il primo paralimpico a scalare l’Everest

Una targa dal consiglio regionale per aver portato la Toscana sul tetto del mondo. Così le istituzioni hanno voluto ringraziare Andrea Lanfri, alpinista e primo paralimpico a scalare l’Everest, impresa compita all’alba dello scorso 13 maggio.

https://www.luccaindiretta.it/sport/2022/05/13/andrea-lanfri-ha-raggiunto-la-vetta-delleverest-e-la-prima-volta-per-uno-scalatore-pluriamputato/290508/

Alla cerimonia, in sala Gonfalone, erano presenti il presidente e i vicepresidenti di maggioranza e opposizione e il consigliere regionale espressione del territorio, Mario Puppa.

Il riconoscimento è stato consegnato dal presidente dell’assemblea legislativa Antonio Mazzeo che ha sottolineato il valore di un’impresa non solo sportiva.

“Il Consiglio regionale – ha spiegato – ha voluto premiare il suo coraggio, il suo impegno e la sua passione. Raggiungere la cima più alta del mondo come ha fatto Andrea è qualcosa di stupendo e dà il messaggio alle ragazze e ai ragazzi di crederci sempre e non mollare mai. A lui va il merito di avere trasformato la sua malattia in una forza grande per poter poi reagire e provare a fare quello che noi non saremmo in grado di fare. La Toscana con questa targa gli dà un riconoscimento e gli chiede di portare il Pegaso alato sul tetto del mondo la prossima volta”.

Il vice sindaco di Capannori Matteo Francesconi ha poi espresso tutto l’orgoglio per il percorso e l’impresa che ha compiuto Andrea Lanfri.

“La cosa più bella è quello che Lanfri ha dato e dà alla comunità capannorese dal punto di vista associativo – ha sottolineato Francesconi -. Andrea non solo sta facendo sognare ed entusiasmare tanti concittadini e tanti lucchesi, ma è un personaggio che oggi incide con i suoi valori positivi sul pensiero di molti giovani”.

“È il coronamento di un sogno che da diversi anni era dentro di me e i motivi di orgoglio sono stati tanti. Arrivare in cima è stato un segno di rivalsa nei confronti della mia malattia che nel 2015 ha tentato di fermarmi più volte e la batosta che potevo dargli era quella di ripartire e questa è stata la dimostrazione tangibile che non mi ha mai sconfitto e ho sempre vinto – ha detto Lanfri durante la cerimonia -. Questa spedizione è iniziata a fine marzo del 2022 e si conclusa negli ultimi giorni di maggio, ed è stata abbastanza fortunata, a partire dalle condizioni meteorologiche che in queste situazioni diventano determinanti. Tutto è andato molto bene a parte un periodo, la prima settimana di maggio, che ci ha fatto nascere qualche dubbio perché il tempo stava volgendo al brutto, ma poi la settimana dopo siamo potuti partire. La preoccupazione maggiore era quella di non poter nemmeno tentare. Ero preparato e pronto per questa avventura e così il 13 maggio siamo riusciti ad arrivare in vetta, erano le 5 e 40 di un’alba per me indimenticabile ed è stata una soddisfazione immensa”.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.