Quantcast

Empoli, 400 matricole per l’istituto superiore Ferraris Brunelleschi

Gli iscritti totali sono 1520. Nelle due sedi è al lavoro il team accoglienza

Prima campanella, questa mattina (15 settembre) per i 1520 studenti delle classi dell’istituto superiore Ferraris Brunelleschi. Tra questi oltre 400 le matricole, ragazze e ragazzi provenienti dalle scuole medie non solo di Empoli o della zona, ma dell’hinterland Empolese e Fiorentino. Infatti i nuovi iscritti del Ferraris-Brunelleschi arrivano dalle medie di Empoli, Vinci, San Miniato, Montelupo, Montespertoli, Castelfiorentino, Certaldo, Larciano, Lamporecchio, Santa Croce, Gambassi e Signa.

“All’Iis Ferraris Brunelleschi di Empoli – informa la scuola – ci si preoccupa, come sempre, di tutti gli alunni, nessuno escluso, e in particolare dei più giovani, i nuovi iscritti, che hanno iniziato una nuova avventura. Così le 400 matricole hanno iniziato oggi la loro nuova avventura fra i tanti indirizzi dell’istituto tecnico e dell’istituto professionale di via Sanzio: elettrotecnico, chimica, manutenzione e assistenza tecnica, automazione e robotica. Mentre i giovani studenti di via Giovanni da Empoli iniziano nuove esperienze di studio in un indirizzo innovativo, quello della costruzione ambiente e territorio, la veste più moderna dell’ex geometri, ma anche di quello più fashion della moda“.

Per le giovani generazioni la quotidianità di nove mesi su dodici è rappresentata dall’esperienza scolastica, entro la quale rientrano una miriade di esperienze, conoscenze, condivisione di vissuto, fondamentali per la formazione identitaria di ciascuno. Il gruppo accoglienza classi prime dell’istituto Ferraris Brunelleschi sta lavorando per sostenere al meglio i nuovi iscritti, fornendo loro informazioni e supporto, in un clima di cordialità e nel rispetto di tutte le indicazioni relative al protocollo sanitario emanato dal ministero.

50 studenti-tutor delle classi terze, quarte e quinte hanno messo e metteranno a disposizione tutte le competenze acquisite negli anni precedenti per offrire informazioni e rispondere alle domande dei più giovani ‘colleghi’.

“Per evitare smarrimento o confusione – conclude la scuola – del tutto lecite all’inizio di un nuovo ciclo, ancor più comprensibili nell’attuale situazione pandemica, il Ferraris – Brunelleschi è ripartito quindi pensando alla riconquista delle relazioni umane in sicurezza, prerogativa indispensabile per far crescere insieme futuri cittadini responsabili”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.