Quantcast

Progetti utili alla collettività, al via la fiera virtuale

Organizzata dalla Regione Toscana in collaborazione con Anci Toscana, è la prima esperienza in Italia per promuovere il lavoro delle Zone sociosanitarie e dei Comuni sui Puc

Taglio del nastro virtuale per la Fiera dei Puc, inaugurata oggi (13 luglio) e che si svolgerà on-line fino a venerdì 23 luglio.

Organizzata dalla Regione Toscana in collaborazione con Anci Toscana, è la prima esperienza in Italia per promuovere il lavoro delle Zone sociosanitarie e dei Comuni sui Progetti utili alla collettività (Puc), con attività in campo sociale, artistico, ambientale, sportivo, formativo, culturale: i Puc sono strumenti previsti dal Reddito di cittadinanza (Rdc) nell’ambito dei Patti per l’inclusione sociale, sottoscritti dai beneficiari.

Il programma prevede dieci giorni di appuntamenti, in cui è possibile navigare on line attraverso la home page, cui sono collegate altre pagine web dedicate alle zone, ognuna delle quali ha contribuito alla costruzione del suo spazio, producendo materiali multimediali e non, per descrivere le esperienze dei territori e approfondire i progetti più rappresentativi. Il 15 ed il 20 luglio sono previsti due incontri con esperienze di Puc di altre Regioni italiane.

“Quella di oggi è una giornata molto importante di scambio di esperienze e di condivisione dei servizi e dei progetti utili alla collettività, con l’obiettivo principale di mettere in rete le migliori sinergie, per fornire risposte riorganizzate ai cittadini nell’ambito dei progetti legati al Reddito di cittadinanza – commenta l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli, nei saluti di apertura della Fiera virtuale dei Puc – È importante mettere in campo ciò che i territori hanno realizzato, per valorizzarne le risorse, favorirne le connessioni e contribuire alla realizzazione di nuove progettualità a sostegno delle persone all’interno della loro stessa comunità nel rispetto del diritto del lavoro, quale strumento di dignità e opportunità, ma anche nell’ottica della restituzione alla collettività di qualcosa che la faccia crescere e ne rafforzi la coesione sociale”.

“Questo tema – continua Spinelli – proseguirà ben oltre l’andamento della pandemia e sarà purtroppo di grande attualità. Le cronache di questi giorni, la vicenda di Gkn e dei suoi 422 licenziamenti in tronco, richiamano ancora una volta la nostra attenzione sul diritto al lavoro e sulle inevitabili ricadute, che esse hanno sulla qualità di vita delle famiglie e delle persone, che ne sono drammaticamente coinvolte. Il lavoro deve essere una risorsa non un problema. È nostro dovere fare il massimo per garantirlo e al tempo stesso sostenere il reddito di cittadinanza, per salvaguardare la dignità delle persone. Ringrazio chi ha reso possibile questo importante confronto virtuale sui Puc e chi è quotidianamente impegnato nei territori con progettualità che vanno in questa direzione”.

All’inaugurazione della Fiera oltre all’assessora Spinelli hanno preso parte, tra gli altri, anche rappresentanti di Banca Mondiale (struttura a cui il ministero ha affidato l’assistenza tecnica ai territori per quanto riguarda il Reddito di cittadinanza e Fondo povertà). Nell’occasione è stato presentato il video di lancio, realizzato da Federsanità Anci Toscana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.