Quantcast

Giga Grandi Cucine, sospesa per 30 giorni la procedura di licenziamento collettivo

Avanti la liquidazione dell'azienda per per un mese non partirà la lettera di stop ai dipendenti in cassa integrazione

La lunga riunione oggi (13 0ttobre) a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze ha avuto un primo esito sperato e alla vigilia per nulla scontato. Se infatti la società Middleby proprietaria di Giga Grandi Cucine di Scandicci andrà comunque avanti nella procedura di liquidazione dell’azienda, sarà invece sospesa, per trenta giorni, quella dei licenziamenti collettivi dei quaranta dipendenti, che si sono nel frattempo dichiarati disponibili a tornare a lavoro.

L’accordo ha richiesto pazienza ed energie ma dopo sei ore di tavolo è stata conquistata anche la disponibilità da parte dell’azienda ad aprire una discussione mirata a trovare una nuova soluzione industriale.

“Il nostro obiettivo è sempre stato quello della salvaguardia del sito produttivo e dell’occupazione – commenta il consigliere per lavoro e crisi aziendali del presidente Giani, Valerio Fabiani – La disponibilità conquistata dell’azienda ad aprire una discussione consentirà di avviare percorso finalizzato ad un cambio di proprietà, senza dunque che il passaggio impatti sui lavoratori e il territorio. L’accordo raggiunto oggi è dunque importante”.

Al tavolo di crisi della Regione, presieduto da Fabiani e dal capo di gabinetto Paolo Tedeschi, c’erano oggi i sindacati, le Rsu, il liquidatore e i rappresentanti della proprietà. Presente anche il Comune di Scandicci con il vicesindaco Giorgi e l’assessore Franceschi. Un nuovo incontro è atteso a metà novembre.

Giga Grandi Cucine produce attrezzature industriali per la ristorazione e dal 2008 è stata acquisita dalla multinazionale americana Middleby Corporation. I lavoratori sono da tempo in cassa integrazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.