Quantcast

Aldo Cursano è il nuovo presidente di Confcommercio Toscana

Cursano: "Sarò un presidente che aggrega e non divide. Voglio portare a sintesi le varie anime della Toscana".

È Aldo Mario Cursano il nuovo presidente di Confcommercio Toscana. Imprenditore nel settore ristorazione, pugliese di nascita ma fiorentino di adozione e per vocazione, è stato eletto ieri (13 settembre) dai colleghi del consiglio, arrivati a Firenze da tutta la Toscana. Subentra all’aretina Anna Maria Nocentini Lapini e guiderà per i prossimi cinque anni il livello regionale dell’associazione di categoria, che in Toscana rappresenta oltre 50mila imprenditori e professionisti di commercio, turismo e servizi; circa 750mila in Italia.

Classe 1963, sposato con due figli, un diploma di ragioniere e perito contabile in tasca, il neopresidente del terziario regionale Cursano è impegnato a Firenze nella ristorazione da 38 anni. Dopo gli esordi come direttore e general manager del Caffè Paszkowski e del Caffè Gilli dal 1983, nel 1991 è diventato titolare di uno storico bar nei pressi di Santa Maria Novella, poi di un ristorante giapponese in Santa Croce, al quale oggi si è aggiunto anche un altro ristorante etnico poco distante dal capoluogo toscano, a Sesto Fiorentino. Tre aziende che, nel complesso, danno lavoro a oltre 40 persone.

Cursano ha sempre affiancato alla propria attività lavorativa l’impegno all’interno dell’organizzazione di categoria del terziario. Presidente provinciale della Confcommercio fiorentina dal 2018, attualmente è anche vicepresidente vicario nazionale e presidente regionale di Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi, leader del settore per rappresentatività. Tra le altre funzioni ricoperte, quella di presidente della consulta regionale delle categorie settoriali di Confcommercio Toscana. È poi consigliere nazionale di Confturismo e membro del consiglio di reggenza della Banca d’Italia – sede di Firenze, oltre che membro di giunta della Camera di commercio di Firenze. Siede nel consiglio di amministrazione della Fondazione palazzo Strozzi ed è componente del comitato di indirizzo della Fondazione cassa di risparmio Firenze. Attualmente è anche presidente del Centro storico di Firenze per la Confcommercio ed è portavoce degli imprenditori del Patto per Firenze.

Incarichi che sottolineano la grande credibilità personale acquisita negli anni da Cursano, capace di farsi portavoce degli interessi degli imprenditori ma sempre nel rispetto delle peculiarità del territorio toscano. “Sono orgoglioso di assumere il ruolo di massima responsabilità in Confcommercio Toscana, soprattutto perché sono stato eletto all’unanimità dai presenti, nove province sulle dieci toscane. Un livello di consenso che nel recente passato non si era mai visto – sottolinea Aldo Cursano – Sarò un presidente che aggrega e non che divide, perché è con il gioco di squadra che si raggiungono i risultati migliori. Aver avuto il sostegno anche di province che ultimamente erano sempre state critiche, oltre che di quelle che storicamente hanno sempre governato la Confcommercio Toscana, è un segnale importante e un riconoscimento di cui vado fiero e che mi impegnerà per il futuro”.

La sua nomina arriva in un momento importante di ridefinizione per la Confcommercio Toscana, che sta cambiando pelle: sono molte le associazioni provinciali che hanno cambiato il presidente negli ultimi mesi o addirittura settimane (Arezzo, Grosseto, Pisa, Livorno, Lucca-Massa), mentre a Pistoia-Prato l’avvicendamento sarà definito entro il mese prossimo. “In questo scenario così dinamico, la mia presidenza diventa l’occasione per rinnovare l’impegno delle associazioni settoriali in un clima diverso, più coeso”, evidenzia Cursano.

“Aldo Cursano è il miglior presidente che la Confcommercio potesse esprimere in questo momento, uomo di straordinarie doti umane, professionali e politico-sindacali. Sotto la sua presidenza sarà possibile sviluppare ulteriormente gli straordinari risultati conseguiti finora dalla nostra associazione”, sottolinea Franco Marinoni, direttore della Confcommercio Toscana dal novembre 2013, un incarico alla guida tecnica dell’associazione che ne garantisce la continuità di gestione.

“Siamo di fronte ad una pagina bianca da scrivere tutti insieme – continua il presidente Cursano – Il nostro obiettivo è quello di sostenere le imprese di fronte alle tante sfide che le aspettano, fra i cambiamenti epocali in atto già da qualche anno e gli effetti della crisi pandemica, che ha evidenziato quanto sia necessario restare uniti per difenderci e trovare nuove soluzioni utili a salvaguardare il lavoro, le nostre vite, la nostra storia. Ci siamo tutti scoperti più fragili, è ora di rimettersi in gioco anche pensando a nuovi modelli di sviluppo”.

“Il terziario di mercato svolge una funzione al pubblico e per questo ha pagato il prezzo più alto della pandemia – prosegue il neoeletto presidente – In questo anno e mezzo attraverso il mio impegno nella Fipe ho rappresentato il grande disagio di un settore, quello dei pubblici esercizi, che più di altri è stato mortificato, ma l’ho fatto sempre puntando su valori comuni, convinto che le imprese siano da tutelare come patrimonio di tutti, non solo degli imprenditori, per le funzioni sociali che svolgono”.

“Ho sempre interpretato il mio impegno sindacale come una forma di volontariato per restituire alla città un po’ di quanto ho avuto – spiega Cursano – Se le nostre imprese hanno successo, in fondo, è perché vivono nelle relazioni, su territori dei quali condividono valori, fortune e momenti difficili. E chi ha incarichi nelle associazioni di categoria, con senso civico, deve sapersi mettere al servizio dei colleghi e delle comunità, nell’interesse generale, evidenziando criticità, ma anche facendo proposte. Il futuro dipende da noi e da cosa siamo disposti a fare e a dare”.

“La nostra Confcommercio è composta da imprenditori che liberamente scelgono di associarsi e chi ha l’onore e l’onere di rappresentarli assolve un ruolo di grande responsabilità. Per questo sono grato a quanti l’hanno svolto in maniera corretta. E non dimentico, io che lavoro ogni giorno dietro a un bancone, che la nostra forza viene dal basso, dal contatto diretto con la gente, dai territori. Il mio intento è quindi portare a sintesi le varie anime della Toscana, che sono molte: c’è la Toscana della costa, quella delle città d’arte, della montagna e delle colline. Condividerò con i colleghi presidenti provinciali questo patrimonio di visioni e di esperienze diverse, senza lasciare indietro nessuno” conclude.

Confcommercio Toscana, il profilo

Confcommercio Toscana, livello regionale della confederazione nazionale Confcommercio-imprese per l’Italia, rappresenta in Toscana oltre 50mila imprenditori e professionisti del terziario. Un mondo intorno al quale ruotano oltre 250mila addetti: dalle medie, piccole e microimprese che operano nei settori commercio, turismo e servizi all’esercito crescente delle partite Iva. Nell’ultimo quinquennio l’organizzazione si è caratterizzata per una consistente crescita associativa, in assoluta controtendenza rispetto alla crisi di identità spesso dimostrata dai cosiddetti corpi intermedi. Suo compito primo è rappresentare e tutelare gli interessi dei propri iscritti nei confronti della regione e di altri organismi pubblici e privati, attraverso l’interlocuzione con le forze politiche, sociali, economiche e sindacali e il contributo attivo alla programmazione delle politiche regionali per il commercio, il turismo e i servizi. Del sistema regionale di Confcommercio fanno parte le numerose federazioni di categoria espressioni dei singoli settori (dagli agenti di commercio ai pubblici esercizi, dalla ricettività turistica alle agenzie immobiliari, dalla ristorazione al commercio tradizionale in sede fissa o ambulante, fino alle professioni più innovative e tecnologiche), poi le otto associazioni provinciali toscane del terziario aderenti a Confcommercio-imprese per l’Italia, delle quali coordina e supporta l’attività sindacale nel pieno rispetto delle loro identità locali. Favorisce la diffusione di best practice e lo scambio di idee, e svolge un’importante funzione di collegamento con le altre parti del sistema e con gli organismi confederali. Offre inoltre una gamma completa di assistenza e consulenza specialistica in vari ambiti di attività, per favorire lo sviluppo e l’innovazione del terziario. Promuove infine varie iniziative finalizzate alla crescita del sistema economico toscano. Al suo interno operano anche le società regionali della formazione, dell’assistenza tecnica e del credito.

Le congratulazioni del governatore Giani

“Sono certo che nelle buone mani di Aldo Cursano Concommercio Toscana sarà ancora di più protagonista della vita economica regionale. Siamo tutti chiamati, istituzioni e forze sociali, a lavorare per far ripartire su basi solide le attività produttive. Uomini come Cursano, con la loro esperienza imprenditoriale e la loro capacità di dialogo e di confronto, potranno dare un contributo fondamentale”. Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, saluta così l’elezione del nuovo presidente di Confcommercio regionale.

“Mi piace sottolineare – continua – come le prime parole che Cursano ha usato non appena eletto abbiano subito dato il segnale del carattere che avrà la sua presidenza: apertura, spirito unitario, coraggio di fronte alla sfida rappresentata dalla necessità di costruire nuove opportunità di buona economia. Ad Aldo – conclude Giani – i migliori auguri di buon lavoro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.