Quantcast

Confartigianato: “Decreto liquidità, si elimini l’obbligo di presentazione del Durc”

L'associazione di categoria: "Rischia di essere un ulteriore ostacolo"

Per il vicepresidente vicario di Confartigianato Imprese Toscana Giovanni Lamioni è urgente che il governo dia risposte concrete al problema della liquidità necessaria alle imprese per sopravvivere alla crisi economica creata dall’emergenza sanitaria e poter ripartire. Per Lamioni: “La vicinanza delle istituzioni agli imprenditori la si dovrebbe esprimere anche garantendogli liquidità e credito, non creando ostacoli e burocrazia. Il decreto liquidità ha previsto la possibilità per le imprese danneggiate dalla pandemia di accedere a prestiti fino a 30 mila euro con garanzia del fondo di garanzia pmi. Questi finanziamenti dovevano essere concessi dalle banche senza la valutazione del merito creditizio, invece molte aziende stanno incontrando enormi difficoltà nell’accesso a questa misura di sostegno”.

Gli istituti bancari effettuano infatti la valutazione del merito creditizio e l’istruttoria prevede l’obbligo di presentare molti documenti tra cui i bilanci degli ultimi anni, le dichiarazioni fiscali e in particolare viene richiesto il Durc, documento unico di regolarità contributiva, in regola. “E’ evidente – sottolinea Lamioni- che aziende come quelle della ristorazione, che sono chiuse ormai da un anno, difficilmente hanno potuto versare regolarmente i contributi previdenziali e possono aver avuto delle sofferenze, delle difficoltà a pagare qualche rata dei finanziamenti in corso. La richiesta del Durc regolare rischia di essere un ulteriore ostacolo per accedere al credito. Il Governo deve porre rimedio a questi problemi prorogando la moratoria dei finanziamenti di almeno un anno e deve impedire che l’impresa in sofferenza, a causa degli effetti della pandemia, venga classificata come inadempiente o insolvente in base ai regolamenti bancari vigenti. Si superi la discriminante del Durc in regola per accedere ai finanziamenti agevolati”, conclude il vicepresidente Giovanni Lamioni.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.