Quantcast

La fotonotizia di Toscana in Diretta

Entro l’anno il via ai lavori per il nuovo ponte fra Montelupo e Capraia

La giunta regionale ha approvato lo schema di accordo di programma. Baccelli: "Opera attesa da decenni"

Il nuovo ponte fra Montelupo e Capraia si farà ed entro l’anno inizieranno i lavori. La giunta regionale ha appena messo un ulteriore tassello alla costruzione della nuova infrastruttura con l’approvazione dello schema dell’accordo di programma firmato con Anas, Città metropolitana, Comuni di Capraia e Limite, Montelupo Fiorentino, Empoli e Vinci, per la progettazione esecutiva e la realizzazione della nuova viabilità di collegamento fra la Statale 67 Tosco Romagnola e la Strada provinciale 106 Provinciale Limitese, fra il Comune di Montelupo Fiorentino, in località Fibbiana, e il Comune di Capraia e Limite.

Via libera dunque da parte della giunta anche all’erogazione ad Anas di 3,5 milioni di euro che contribuiranno a realizzare la nuova viabilità, il cui valore complessivo è di quasi 30 milioni di euro. Oltre al contributo della Regione, saranno erogati 1 milione di euro dalla Città Metropolitana e 600mila euro a testa dai Comuni di Montelupo, Capraia e Limite, Empoli e Vinci. Il resto dell’importo sarà finanziato da Anas e dallo Stato tramite risorse Fsc (Fondo sviluppo e coesione) stanziate dal Cipe.

“Si tratta di un passaggio importante – spiega l’assessore alle infrastrutture Stefano Baccelli – che avvia un cambio di passo decisivo per la viabilità nell’area dell’empolese-Valdelsa, fondamentale per la Toscana. Grazie al nuovo ponte fra Montelupo e Capraia, si potrà alleggerire il carico pesante e snellire così il traffico”.

L’accordo di programma è frutto della conferenza dei servizi che si è tenuta a gennaio e che ha buttato le basi per dare il via al progetto definitivo già approvato dal ministero dei trasporti e delle infrastrutture. Seguirà una gara di appalto integrato da parte di Anas, tramite la quale saranno assegnati la progettazione esecutiva e la realizzazione dell’opera, i cui lavori inizieranno entro il 2021.

“A questo punto – prosegue Baccelli – con il via libera della giunta siamo pronti a partire. Come più volte sottolineato anche dai sindaci dei territori coinvolti, questo intervento infrastrutturale era atteso da decenni. Grazie alla sinergia che si è determinata, siamo potuti arrivare fino a qui attuando, a livello territoriale, una progettazione strategica con la realizzazione di un’opera essenziale per tutta la Toscana”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.