De Luca a Firenze con Giani: Toscana e Campania si alleano contro mafie e camorra foto

Collaboreranno a progetti di animazione e rilancio dei beni confiscati, a beneficio di territori e cittadini. Firmati due protocolli

Toscana e Campania firmano un’intesa, di quattro anni, per la promozione della cultura della legalità e per la restituzione alla collettività dei beni confiscati alla criminalità organizzata. In particolare l’obiettivo è migliorare la gestione dei beni, a vantaggio dello sviluppo dei territori e con finalità pure inclusive e di integrazione sociale. Un’alleanza che porterà sinergie ma anche, probabilmente, nuove e maggiori risorse: a vantaggio di un sano sviluppo economico, della ricerca zootecnica e agricola e chiaramente anche dell’eduzione alla legalità.

Il patto non arriva per caso e passa dalle tenute di Suvignano nel senese e “La Balzana” in provincia di Caserta. Due modelli virtuosi e unici ognuno a loro modo di gestione pubblica di beni strappati a mafie e camorra, diventati simboli del riscatto dello Stato, tra i più grandi ed estesi beni sequestrati in Italia. Ma il fil rouge è anche un’intensa e radicata attività di educazione alla legalità che le due Regioni da tempo portano avanti: in un ambiente sicuramente difficile e complicato, ad alta densità criminale, nel caso della provincia di Caserta, in una regione come la Toscana dove le mafie non mirano tanto al controllo del territorio ma risciacquano comunque lì il loro denaro sporco, dedite a malaffare e riciclaggio.

Parlare delle mafie ad alta voce
Lo sapeva già bene il giudice Caponnetto, che già molti anni fa affermava che la Toscana non è sicuramente terra di mafia ma la mafia anche in Toscana esiste. E sapeva anche che senza la formazione e l’impegno dei giovani il Paese non può avere un futuro degno. Il suo era un invito alla mobilitazione: “uomini e donne di buona volontà fatevi avanti” diceva, che poi non è molto distante dalle parole di don Milani, il prete di Barbiana, che decenni prima chiosava su che senso avesse l’aver le mani pulite, se poi uno le tiene in tasca.

Quelle mani la Toscana, che pensava di essere immune a certa criminalità organizzata ma si è scoperta fragile, ha deciso di non tenerle in tasca. Da venti anni sostiene le attività e campi lavoro dei giovani sui terreni strappati alle mafie: in Sicilia e Calabria all’inizio, dal 2019 anche a Suvignano, quando la tenuta è stata affidata alla gestione della Regione. Ha creato nel 1994 una casa della memoria (https://www.toscana-notizie.it/-/custodi-della-legalita-a-firenze-l-archivio-della-memoria-sulle-stragi-e-la-mafia), archivio aperto a studiosi, studenti e cittadini, sulle stragi e i misteri in Italia. Lo ha fatto per non dimenticare e per promuovere una più forte e salda coscienza civica e democratica: è lo stesso spirito con cui vengono sostenuto attività nelle scuole.

Ha pungulato il Governo e si è data da fare per cercare di sveltire la messa a disposizione, come beni comuni, di quanto confiscato alla criminalità. Ha aiutato i Comuni che erano nelle condizioni di gestire beni confiscati. C’è l’impegno a monitorare e studiare mafia, illegalità e corruzione, con un rapporto annuale affidato dal 2017 alla Scuola Normale di Pisa, utile a orientare l’operato delle istituzioni e a far alzare qualche antenna e campanello di allarme in più. Da lì ci è accorti di come le mafie si fossero infiltrati in spazi lasciati incustoditi: a Suvignano e in tanti altri angoli di territorio baciati dalla bellezza, a Livorno da dove passa la droga diretta in gran parte d’Europa, infiltrata nell’economia. Magari nascosta dietro facce pulite ed abiti firmati, non armata di lupara bensì di professionisti, ma ugualmente pericolosa. E ha deciso, sempre la Regione, di parlarle ad alta voce: perché è nel silenzio che criminalità organizzata trovano terreno fertile.

Insieme per lo sviluppo, contro mafia e camorra
Così, negli ultimi mesi, Regione Toscana e Regione Campania hanno avviato un confronto, cercando di valorizzare le possibili sinergie, su scala non solo regionale: per dare un segno, anche, di come la cultura della legalità e il suo perseguimento possa passare da fatti concreti, come la rinascita di beni sottratti alle mafie.

Nel protocollo firmato oggi, 21 maggio .dalla due istituzioni, direttamente dai presidenti Giani e De Luca, si parla di scambio di dati, informazioni e buone pratiche sperimentate, di azioni future per migliorare la gestione dei beni, di sperimentazioni e innovazioni produttive e ambientali, di tutela dei diritti e lavoro per persone a rischio di esclusione, di opportunità di impiego per i giovani e di diffusione della cultura della legalità nei territori e tra gli operatori economici. Una risposta insomma a bisogni sociali da un lato e promozione, in Italia ma anche in Europa, di modelli organizzativi e gestionali innovativi dall’altra. Una sfida non da poco.

Nell’intesa, più tecnica, sottoscritta nella stessa data da Ente Terre di Toscana e Agrorinasce, ovvero le due società pubbliche che gestiscono le tenute di Suvignano e Balzana, la collaborazione si declina nell’elaborazione di studi e ricerche a quattro mani sullo sviluppo agroalimentare e l’economia circolare, sulla realizzazione di uno o più progetti sui beni confiscati da valorizzare all’interno di una più ampia strategia italiana attraverso le politiche di coesione e l’utilizzo anche di fondi nazionali, regionali ed europei. Ente Terre e Agrorinasce – l’azienda toscana strumento operativo diretto della Regione, quella campana società consortile della Regione e di cinque Comuni del Casertano, forte di un protocollo di legalità stipulato con la prefettura di Caserta per il controllo antimafia di tutti gli affidamenti – collaboreranno anche su progetti di animazione e di ricerca a benificio dei territori e di formazione professionale rivolta a chi gestisce imprese agricole e zootecniche. Condividono anche lo stesso sogno: Suvignano ambisce a diventare centro di riferimento per i prodotti agroalimentari in Toscana, alla Balzana si vuole realizzare il Parco agroalimentare dei prodotti tipici della Campania.

Sono 199 i beni confiscati alla criminalità organizzata che l’azienda nazionale che li amministra, la Anbsc, ha già destinato in Toscana. E’ l’ultimo dato disponibile negli archivi Open Regio, al netto della tenuta di Suvignano. Si tratta di 21 aziende e 178 immobili:  ma siccome si tratta di unità catastali, pertinenze comprese, alla fine la consistenza reale degli immobili è minore. Un appartamento con un box auto ed un terreno, tanto per chiarirsi, conta per tre anziché uno. Quanti alla fine siano gli edifici sequestrati lo si può intuire dalla localizzazione geografica: i 138 beni destinati si trovano in sole 42 posizioni, spesso si sovrappongono; e solo 66, in tutto l’elenco, sono gli immobili principali. Circa uno su due.

I beni possono essere assegnati solo dopo confisca definitiva, situazione che interessa altri 328 beni (282 immobili e 46 aziende) in Toscana oltre a quelli già destinati. Molti però sono a volte scatole vuote prive di valore autentico. Oppure non sono utilizzabili, almeno non immediatamente, perché frutto di abusi edilizi, inagibili od ancora occupati, gravati da debiti ed ipoteche oppure confiscati solo per una parte. La destinazione dunque in quel caso si complica. Con i sequestri non ancora definitivi, i beni gestiti in Toscana dall’associazione nazionale salgono a 588 (503 immobili e 85 aziende).

Dei beni già destinati, 138 immobili sono stati trasferiti al patrimonio degli enti territoriali (26 Comuni), 27 sono stati mantenuti al patrimonio dello Stato e 13 messi in vendita. La provincia che ne conta di più è Arezzo (45), seguita da Pistoia (35), Firenze (18), Massa Carrara (17), Livorno (16), Siena (14), Lucca (13), Prato (8), Grosseto (7) e Pisa (5). Considerando tutti gli immobili confiscati in via definitiva, anche quelli in gestione all’agenzia nazionale, Grosseto è prima (87 immobili) e seguono Pistoia (79), Arezzo (66), Siena (48), Prato (39), Lucca (38), Livorno (34), Massa Carrara (32), Firenze (25) e Pisa (12).

Le 67 aziende confiscate definitivamente (21 quelle destinate) si distribuiscono tra le province di Massa Carrara (13), Prato (12), Livorno, Lucca e Pistoia (10 a testa), Firenze (6), Pisa (3), Siena (2), ed Arezzo (1). Nessuna in provincia di Grosseto.

Complessivamente, tra immobili e aziende, sono 79 le amministrazioni comunali in Toscana che contano beni confiscati. A questo indirizzo è disponibile l’elenco degli immobili ed aziende destinati alle amministrazioni locali: https://www.regione.toscana.it/-/elenco-dei-beni-confiscati-alla-criminalit%C3%A0-organizzata-e-destinati-ai-comuni-della-toscana.

L’accordo tra Toscana e Campania può diventare un modello per tante regioni. Ne sono convinti, e lo sottolineano più volte, tanto il presidente della Toscana Eugenio Giani quanto il presidente della Campania Vincenzo De Luca, che a Firenze hanno sottoscritto un’intesa per la promozione della cultura della legalità e la restituzione alle comunità locali dei beni confiscati alla criminalità organizzata, con l’obiettivo di farne luoghi vivi e, come nel caso delle due tenute di Suvignano e La Balzana, volano per le economie dei territori e centri magari di sperimentazione e innovazione.

Dobbiamo dare l’esempio – sottolinea Giani -, far sì che agricoltura e agriturismo riescano ad esprimersi col senso dell’utilità sociale in questi luoghi, che devono essere presidi attivi contro le mafie ma anche messi a reddito. Se tra Regioni ci aiutiamo, ci diamo consigli, si può creare un valore aggiunto”. “L’aiutarsi reciprocamente è anche un segnale forte di uno Stato autorevole” aggiunge.

La firma del doppio accordo arriva a due giorni dall’anniversario della strage di Capaci in cui morì il giudice Falcone, seguita a breve distanza dall’uccisione, sempre nel 1992, del collega Borsellino. Sono già passati trent’anni da allora: quaranta, ricordati poche settimane fa, dall’attentato a Pio La Torre. E la prossima settimana, a Firenze, si ricorderà anche l’attentato ai Georgofili, che si consumò nel 1993.

Viviamo una mafia meno violenta, ma non vuol dire che sia meno pericolosa – ricorda Giani – Quella criminalità organizzata fatta di colletti bianchi affonda i suoi tentacoli anche in Toscana e contrastarla deve essere una priorità”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente della Campania, Vincenzo de Luca. “Abbiamo – dice – un debito morale nie confronti di chi come Falcone, Borsellino, LIvatino e tanti altri giudici e uomini dello Stato si sono opposti a mafia, camorra ed ‘ndrangheta: combattenti per la legalità, martiri di una nuova Italia. Non ci può essere modernità se non ci liberiamo dalla metastasi della criminalità organizzata. E sul tema dei beni confiscati e il loro riuso non possiamo rischiare fallimenti. C’è biosgno di governarlo in maniera intelligente e dell’aiuto forte anche dello Stato”. Magari, annota De Luca, “prosciugando la palude della burocrazia” che a volte rallenta o rende complicato l’affidamento dei beni confiscati. “Lo Stato nazionale deve cogliere questa sollecitazione che viene da Toscana e Campania per prendere in mano il tema delle aree agricole sequestrate – conclude – e farne luoghi di ricerca scientifica e tecnologica”.

Intanto l’esperimento toscano e campano parte, con la messa in comune delle esperienze che finora hanno accompagnato la gestione dei beni confiscati e restituiti ai territori.

Che la promozione della cultura della legalità passi anche dalla valorizzazione dei beni confiscati alla mafia ne è convintissimo anche l’assessore della Toscana Stefano Ciuoffo: “una responsabilità nei confronti anche di chi ha messo a rischio la propria vita per combattere le mafie, un passaggio fondamentale parte di quel lavoro più vasto in cui, qui in Toscana, ci accompagna anche il mondo del volontariato”.

“Inauguriamo oggi una collaborazione che non c’era – commenta l’assessore alla legalità della Campania, Mario Morcone – C’era esigenza di fare rete e vedere oggi i giovani lavorare su quelle terre che erano state rubate dalla criminlità, fare innovazione e cooperazione sociale, è l’immagine più bella”.

“Far funzionare al meglio la tenuta di Suvignano è l’impegno che abbiamo assunto come Regione, per dimostrare come un bene confiscato e gestito da un ente pubblico possa creare redditività economica, nell’ambito della legalità e della sostenibilità”. Un sogno? “Commercializzare magari tutta una serie di prodotti – spiega Saccardi – con un marchio che diventi anche veicolo di un messaggio sociale forte”. Un patto della cinta senese e della bufala campana.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.