Quantcast

Musica, dalla Regione 150mila euro a sostegno di bande e canto corale

Giachi (Pd): “L’obiettivo è distribuire i fondi tra tutti i soggetti interessati sul territorio”

Sostenere e incentivare la formazione musicale. Con quest’obiettivo il consiglio regionale della Toscana ha approvato all’unanimità una proposta di legge che prevede uno stanziamento di 150mila euro per il sostegno dell’educazione alla musica e al canto corale. Illustrando l’atto, la presidente della commissione istruzione e cultura Cristina Giachi (Pd) ha sottolineato come i fondi, una tantum per il 2022, “Siano stati stanziati con un obiettivo educativo, formativo e culturale. La somma erogata verrà ripartita, in maniera proporzionale, al fabbisogno alle due associazioni rappresentative a livello regionale di questi due settori, quello delle bande musicali e quello delle musiche da coro, che avranno un ruolo fondamentale nella fase procedurale di assegnazione dei fondi”.

“Durante la discussione in commissione – ha spiegato Cristina Giachi – è stato messo in evidenza il ruolo che il consiglio regionale, e in particolare l’ufficio di presidenza, avrà nella comunicazione dei fondi che verranno assegnati ai destinatari e anche nella selezione dei beneficiari. L’intento della proposta di legge è quello di distribuire i fondi tra tutti i soggetti interessati sul territorio regionale”. 

La vicepresidente della commissione Luciana Bartolini (Lega) ha sottolineato che “La proposta è stata votata all’unanimità, perché è una proposta concreta, dà un sostegno a queste associazioni che soffrono in maniera particolare come tutti gli spettacoli dal vivo in questo periodo di pandemia. Siamo favorevoli alla musica dal vivo – ha concluso – e per questo abbiamo deciso di votare questa proposta di legge”. A nome dell’ufficio di presidenza Stefano Scaramelli (Italia Viva) ha ringraziato la presidente Cristina Giachi per la celerità con cui si è arrivati all’approvazione degli atti in aula.

Con questa legge il consiglio regionale, attraverso la concessione di contributi una tantum per l’anno 2022, prevede il sostegno finanziario di realtà associative che svolgono un importante ruolo di diffusione della cultura musicale a livello territoriale e che hanno subito lunghi periodi di inattività a causa dell’emergenza pandemica, con conseguenti difficoltà di carattere economico. Il sostegno finanziario è indirizzato a formazioni bandistiche e corali attraverso il coinvolgimento delle associazioni toscane di bande musicali e di gruppi corali che sono impegnati nella formazione continua per la diffusione della cultura musicale, allo scopo di consentire la ripresa dello svolgimento delle attività di promozione e di educazione musicale di base.

Si è scelto di veicolare il contributo attraverso due associazioni, l’articolazione regionale toscana dell’Associazione nazionale delle bande musicali autonome gruppi corali e strumentali e complessi musicali popolari (Anbima) e l’Associazione cori della Toscana. Il contributo è suddiviso tra le due associazioni in proporzione alle bande musicali ed ai cori iscritti. Le medesime associazioni si incaricano successivamente di ripartire le somme sulla base di specifici programmi di attività e di formazione alle stesse presentati. I contributi sono concessi, una tantum per il solo 2022, entro il limite dell’importo complessivo di 150mila euro e sono assegnati direttamente all’articolazione regionale dell’Anbima e all’Associazione cori della Toscana che presentano, a seguito di avviso pubblico redatto dall’ufficio competente, la domanda di concessione. L’importo sarà suddiviso tra le due associazioni in misura proporzionale alle bande musicali e ai cori iscritti. Le associazioni provvederanno alla successiva ripartizione fra le bande musicali e i cori iscritti, che abbiano loro presentato specifici programmi di attività e di formazione.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.