Quantcast

Taxi, Merlotti: “Regole per l’utilizzo delle piattaforme digitali e per la tutela dei professionisti”

Alla giunta con una mozione chiesto di attivarsi anche per aprire un tavolo nazionale di confronto con i rappresentanti di categoria

“Regole e disciplina. L’utilizzo delle piattaforme digitali di intermediazione tra domanda e offerta di servizi di trasporto pubblico non di linea necessitano di questo”. A chiederlo, all’unanimità, il consiglio regionale della Toscana che ha approvato, senza dibattito, una mozione presentata da Fausto Merlotti (Pd).

Alla giunta si chiede di attivarsi presso il governo centrale anche per aprire un tavolo nazionale di confronto con i rappresentanti di categoria e “finalizzato ad aggiornare e completare la normativa di settore, a partire dalla tempestiva emanazione delle disposizioni attuative del decreto legge 135 del 2018”.

Il Consiglio si è espresso compatto anche sulla proposta di risoluzione firmata dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, che alla giunta chiede di adoperarsi per rappresentare le istanze e le preoccupazioni dei professionisti toscani del settore, rivendicando l’importanza locale del servizio e la necessità, in sede di revisione della normativa su vincoli territoriali e conferimento di licenze, non siano depotenziate le funzioni degli enti locali. Il Governo toscano è chiamato anche a tutelare l’offerta dei servizi di chi già opera sul territorio dall’ingresso di nuovi fornitori digitali.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.