Quantcast

Variante Delta, Gelli: “Serve accelerare subito con i vaccini”

Il presidente della Fondazione Italia in salute: "Incremento del 51,5% di nuovi casi nell'ultima settimana"

“Con la variante Delta il virus ha ripreso a correre per questo dobbiamo accelerare con i vaccini”. Così il presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli ha commentato l’incremento del 51,5% di nuovi casi nell’ultima settimana.

“Dati che preoccupano ancor di più alla luce delle notizie che provengono dal Regno Unito dove, proprio a causa della variante, si sta assistendo non solo ad un forte aumento dei contagi ma, soprattutto, a un incremento del 56,6% delle ospedalizzazioni. Questi numeri vanno rapportati al fatto che Oltremanica la percentuale delle persone che ha completato il ciclo vaccinale raggiunge il 66%, ben al di sopra rispetto al dato italiano – conclude Gelli -. Occorre assolutamente accelerare con le vaccinazioni, facendo un lavoro capillare che coinvolga i medici di medicina generale e le farmacie per raggiungere in particolar modo quei 2,5 milioni di over 60 non vaccinati e più esposti al rischio in questo momento, in modo da evitare una nuova impennata di ospedalizzazioni e decessi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.