Blitz al porto di Livorno: sequestrati felpe e pantaloni col marchio contraffatto foto

La merce valeva circa 40mila euro

I funzionari dell’Adm di Livorno, a seguito di un attento e scrupoloso esame documentale, hanno provveduto alla verifica di una partita di merce di origine e provenienza Bangladesh, costituita da 878 colli pari a 28.568 confezioni composte da felpe e pantaloni, dichiarata all’importazione da una ditta ubicata nel Veneto. Sulla cerniera di 2.124 felpe era applicato il logo del marchio Diadora sul quale sono sorti dubbi in merito alla sua veridicità.

La perizia del titolare del marchio ha confermato i dubbi: il “fregio biforcato” del noto brand è risultato contraffatto e i prodotti sono da considerarsi né originali né autorizzati.

I funzionari hanno quindi proceduto, d’intesa con la procura della Repubblica, al sequestro preventivo dei 2.124 capi per un valore stimato di circa 40.000 euro.

Il sequestro preventivo d’urgenza della partita di felpe, su richiesta del pm titolare delle indagini, è stato oggetto del giudizio del gip che ha confermato la necessità della misura cautelare reale con il relativo decreto di sequestro preventivo.

Sotto il coordinamento della procura labronica, i funzionari Adm di Livorno hanno presentato notizia di reato nei confronti del legale rappresentante della società importatrice per i reati di introduzione nel territorio dello Stato di merce contraffatta e di ricettazione. Sono in corso le relative indagini per definire in tutti gli aspetti i profili penali della vicenda.

Si tratta dell’ennesimo rinvenimento di merce contraffatta effettuata negli ultimi mesi nel porto labronico dai funzionari dell’agenzia, dopo oggetti di arredamento, abbigliamento e motocicli, provenienti da Cina e Tunisia.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.