Muore a casa dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso: indagati 4 medici e 1 infermiere

La procura di Prato ha chiesto l'autopsia e nominato due consulenti da Pisa e Massa

Ci sono 5 indagati per la morte di Jonathan Gaddo Gusti, il 31 enne morto nella sua abitazione dopo una visita al pronto soccorso dell’ospedale di Prato. Si tratta di quattro medici e un infermiere. 

L’ipotesi di reato è omicidio colposo

Il giovane, dipendente di una ditta di termoidraulica e calciante della Palla Grossa, era deceduto 48 ore dopo essere stato dimesso dal reparto di emergenza urgenza, dove si era presentato per un dolore toracico e, dopo una serie di esami, risultati tutti negativi, motivo, questo, per cui non era stato ricoverato.

La procura di Prato, che ha indagato tutti i sanitari che lo avevano seguito, dall’ingresso in pronto soccorso alle sue dimissioni, ha anche nominato due consulenti per effettuare l’autopsia, un medico legale dall’azienda ospedaliera universitaria di Pisa,  Luigi Papi, e lo specialista in medicina d’emergenza Alberto Conti, primario del pronto soccorso di Massa Carrara.

Entrambi estranei all’Asl Toscana centro, dovranno stabilire le cause del decesso per far luce sulla morta.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.