Da Piombino a Prato per fare scippi: 23enne ucraino in manette

Il giudice ha disposto il divieto di dimora

Da Piombino a Prato per fare scippi ma è finito in manette per mano dei carabinieri.

A notarlo è stato un vigilante, che ha subito contattato il 112.

Ad essere arrestato è stato un 23enne di nazionalità ucraina, nato in Italia e residente nel livornese.

La vittima dello scippo, una 60enne rumena, che è potuta tornare in possesso della sua borsa con dentro 200e euro, il cellulare e i documenti ed ha ringraziato i militari dell’Arma e una guardia giurata.

Il giudice su richiesta del pm ha disposto il divieto di dimora nella provincia di Prato.  .

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.