Frode, truffa in appalti, manodopera clandestina e sfruttamento: 27 indagati

16 le misure cautelari

Sono 27 gli indagati, in 16 province italiane, tra cui, in Toscana, Prato, nell’indagine della squadra mobile.

Sequestrati beni per 43 milioni, 16 misure cautelari personali e altri 11 avvisi come disposto dal gip pratese,

Il blitz è scattato questa mattina (6 luglio) alle primi luci dell’alba. I 27 indagati sono, a vario titolo, ritenuti responsabili di violazione del divieto di subappalto in contratti con la pubblica amministrazione, frode nelle forniture pubbliche, truffa aggravata ai danni dello Stato, sfruttamento del lavoro e impiego di manodopera clandestina, indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e reati connessi. 

Dalle prime ore di stamani 6 luglio è in corso un maxi blitz, anche a Roma. 
La truffa ai danni dello Stato ha riguardato la materia della sanità, in particolare nella realizzazione e fornitura di dispositivi di protezione contro il Covid. Alle indagini ha lavorato anche l’ Asl Toscana centro.
Le 16 persone raggiunte dalle misure cautelari sono sia italiani sia cinesi.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.