Calci e pugni alla porta della farmacia per mettere a segno una rapina

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri

I carabinieri della Compagnia di Montecatini Terme, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un trentanovenne italiano, residente a Pescia, ritenuto responsabile di tentata rapina e danneggiamento aggravato in danno di una nota farmacia del centro cittadino di Pescia.

Nella tarda serata di sabato sera, l’uomo si è presentato davanti la farmacia in questione, ma trovando la porta chiusa a chiave dall’interno e notando che dentro vi era il farmacista di turno, ha iniziato a sferrare pugni e calci al portone, minacciando ed intimando al farmacista di aprirgli la porta per entrare nell’esercizio commerciale, con lo scopo di farsi consegnare il denaro presente in cassa.

Nonostante la concitazione del momento, l’addetto alla farmacia è riuscito a chiamare immediatamente il 112 e la pattuglia della Stazione carabinieri di Pescia, che nel frattempo stava preventivamente pattugliando la zona come di consueto accade nelle ore serali del week-end, la quale è immediatamente intervenuta.

L’arrivo dei militari ha evitato che l’uomo riuscisse ad entrare all’interno della farmacia sebbene avesse già danneggiato irreparabilmente il portone dal quale si erano distaccati dei pannelli di legno.
Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato portato al carcere di Prato a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.