Sacra Corona Unita: un arresto anche a Livorno

L'indagine è iniziata nel 2018 a seguito di una rapina a mano armata

Un arresto anche a Livorno nell’operazione dei carabinieri di Brindisi.

L’uomo era già in carcere per “altra causa”.

I 10 indagati, 8 dei quali residenti in Puglia, sono ritenuti responsabili di aver fatto parte della medesima organizzazione criminale di tipo mafioso, riconducibile alla frangia della Sacra Corona Unita del mesagnese Francesco Campana e dedita alla consumazione di rapine, estorsioni, furti e ricettazione.

I carabinieri di Brindisi con il supporto dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Puglia” e del Nucleo Cinofili di Modugno, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di misure cautelari emessa dal gip del Tribunale di Lecce, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, nei confronti di 10 indagati, 8 residenti a Brindisi, uno detenuto per altra causa nella casa circondariale di Livorno, uno sottoposto agli arresti domiciliari nel comune di Erchie . Cinque sono stati condotti in carcere a Taranto e Lecce, e 5 sottoposti agli arresti domiciliari.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.