Lucciole assassinate: un’impronta porta a Bedini. Nell’audio captato gli spari e le grida

Gravi indizi di colpevolezza sul presunto killer

Nonostante che il gip del tribunale non abbia convalidato l’arresto per un ritardo formale del decreto di fermo, come eccepito ieri dal suo legale, avvocato Rinaldo Reboa, durante l’udienza e l’interrogatorio di garanzia, Daniele Bedini, l’artigiano di Carrara presunto killer delle lucciole, Nevila e Camilla, resta in carcere non solo per la condanna, divenuta definitiva e da scontare, per la vecchia rapina nella sala slot, ma anche per gravi indizi di colpevolezza sui due delitti di Sarzana.  Per il primo omicidio è stata formalizzata l’acccusa, per il secondo, al momento, è solo indagato

Decreto di fermo tardivo: il gip non convalida l’arresto di Daniele Bedini

Pericoloso socialmente, scrive il gip nell’ordinanza: “Disprezza la vita degli altri, può uccidere”.

Bedini, quando i carabinieri si sono presentati nella sua abitazione – dalla perquisizione della sua camera da letto è saltata fuori la borsetta di Camilla, con dentro i documenti e gli effetti personali – ha anche tentato la fuga saltando dal balcone, mezzo nudo, ed è stato placcato dai militari dell’Arma. 

Il movente dei due delitti, avvenuti a distanza di poche ore e nella stessa zona, entrambi con colpi di pistola alla testa, sarebbe, secondo gli inquirenti, quello di una rapina, per procurarsi denaro per comprare stupefacenti. 

Intanto proseguono le indagini da parte dei carabinieri per ritrovare l’arma da fuoco, una calibro 22, per la quale il padre dell’arrestato aveva presentato denuncia di furto e si attendono gli esiti degli esami dei Ris di Parma sulle tracce ematiche ritrovate sul pick -up dell’uomo, mentre sull’auto di Camilla è stata repertata l’impronta di una scarpa compatibile con il piede dell’accusato di omicidio.

Nella ricostruzione fatta dagli investigatori le telecamere di zona hanno immortalato i movimenti dell’autovettura bianca sia nella notte tra sabato e domenica scorsa, giorno dell’omicidio di Nevila Pjetri, che in quella tra domenica e lunedì, quando è morta la trans Camilla.  Vettura sulla quale sarebbero stati trasportati i corpi delle due vittime, poi scaricati e trascinati dove poi sono stati ritrovati.  In un audio captato dalle telecamere sono state registrati i rumori degli spari, e delle grida. 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.