“C’è un uomo sequestrato”, anziana chiama i carabinieri ma era solo una sua fantasia

La donna aveva lanciato un allarme preoccupante: i militari l'hanno redarguita col sorriso

“Buongiorno, di fronte a me c’è una palazzina, dove c’è un uomo sequestrato da una donna. Io lo vedo legato in una macchina”.

Questa è la segnalazione fatta da un’anziana donna di Grosseto, che nella mattinata di ieri (27 maggio) ha contattato i carabinieri lanciando un allarme inizialmente molto preoccupante: un uomo veniva tenuto sotto sequestro, legato, da parte di una donna. Questo è stata l’inizio della telefonata, raccolta da un esperto militare che, sin da subito, forse già intuendo la situazione, ha lasciato parlare la signora, provando a raccogliere tutte le informazioni. Durante la conversazione, la signora con voce tremula ed incerta ha variato più volte la versione: inizialmente l’uomo sarebbe stato tenuto legato con una corda all’interno di una macchina, da parte di una donna. Circa un minuto dopo, quando l’operatore ha chiesto conferma di alcuni dettagli, l’uomo non si trovava più in auto, ma all’interno di un appartamento, tenuto sotto sorveglianza da alcuni uomini e una donna. La signora, che ha riferito di conoscere le persone sebbene non sapesse i loro nomi, prova ad un certo punto a dare una spiegazione alla dinamica raccontata: i due, sequestrato e sequestratrice, hanno circa 50 anni, si dovevano sposare…… poi si sono sposati, dopodiché sono nati due bambini… il racconto va avanti in maniera poco chiara, mentre il grigadiere prende nota di tutto.

Ad un certo punto, l’uomo, riferisce la signora, non si trova più nell’abitazione di fronte alla sua, ma si trova a casa sua! La situazione è sin troppo confusa tale da diventare abbastanza chiara, per cui il brigadiere interrompe la donna, che nel corso della telefonata ha più volte ribadito, senza mai contraddirsi, una sola cosa: “abito al secondo piano di via… numero…..”; questa l’unica indicazione, chiara, ripetuta più volte. L’operatore quindi chiude la conversazione, rassicurando l’anziana signora, che riferisce di avere più di 80 anni, perché una pattuglia da lì a breve si porterà sul posto a verificare la segnalazione.

Dopo pochi minuti, la pattuglia che arriva sul posto, corrispondente alla casa della donna, trova quello che già ci si aspettava: una persona anziana, che nel passare lento dei giorni, probabilmente rende reali alcune sue fantasie o suggestioni, e da diligente cittadina contatta i carabinieri, i quali almeno in quella circostanza, le faranno per qualche minuto compagnia, appurando alla sua presenza che la segnalazione, al momento, non ha trovato riscontro.

Fatta la dovuta chiarezza sulla segnalazione ricevuta, i militari ringraziano e rassicurano la signora, invitandola, tuttavia, a fare attenzione, in quanto la situazione segnalata, corrispondente ad un probabile grave reato di sequestro di persona, ha ingenerato un intervento in urgenza.

I carabinieri a questo punto hanno salutato la donna, che probabilmente, benché benevolmente e col sorriso redarguita dai militari, ha vissuto un’esperienza diversa dalla monotonia delle lunghe giornate, che con il gran caldo diventano sempre più pesanti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.