Quantcast

Ruba da un’auto un MacBook, un drone e una fotocamera: arrestato

Individuato dai carabinieri di Firenze grazie alle telecamere

Lo scorso 5 maggio, verso le 17,30, un uomo, previa effrazione del vetro di un’autovettura parcheggiata in via Santa Caterina da Siena a Firenze, aveva asportato dai sedili del passeggero posteriori un MacBook, una valigetta contenente un drone e una fotocamera, refurtiva del valore complessivo di circa 2.300 euro. L’uomo si era poi dileguato a piedi facendo perdere le sue tracce.

I carabinieri della Stazione di Firenze Santa Maria Novella, grazie all’analisi dei sistemi di videosorveglianza, hanno successivamente individuato, vicino alla fermata della tramvia “Olmi Carlo Monni”, il presunto autore eseguendo un fermo di indiziato di delitto poiché, sulla base degli elementi raccolti, è ritenuto responsabile del furto aggravato su autovettura.

Si tratta di un 40enne del Marocco, gravato da numerosi precedenti di polizia. All’esito dell’udienza di convalida il gip, a seguito di conforme richiesta della procura della Repubblica di Firenze, ha applicato nei suoi confronti la misura cautelare in carcere. Il ​procedimento è attualmente pendente in fase di indagini e l’effettiva responsabilità della persona sottoposta a fermo, con la fondatezza dell’ipotesi d’accusa mossa a suo carico, sarà vagliata nel corso del successivo processo. Non si escludono ulteriori sviluppi investigativi e probatori, anche in favore della persona sottoposta ad indagini.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.