Quantcast

Ammonisce il figlio, il padre aggredisce l’arbitro e uno spettatore: arrestato

Portato in caserma ha sputato contro un carabiniere

E’ finito in manette per mano dei carabinieri un 34enne. L’uomo è stato arrestato al termine di una partita di calcio under 14 per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e per aggressione all’arbitro e a uno spettatore.

Nella serata di ieri (7 maggio) i carabinieri della stazione di Firenze Peretola e del 6° Battaglione Toscana hanno arrestato in flagranza di reato un 34enne fiorentino.

Alle 19,30 circa quando alla centrale operativa è arrivata la richiesta di intervento per una lite al campo sportivo comunale di via de’ Vespucci dove, al termine di un incontro calcistico valevole per il campionato giovanissimi provinciali under 14, tra la Polisportiva Firenze Ovest e l’Albereta San Salvi, il padre di uno dei giocatori della squadra di casa aveva aggredito con un pugno al volto il direttore di gara e, successivamente, anche uno spettatore, intervenuto in soccorso, spintonato e colpito con un calcio al ginocchio.

Alla vista degli militari giunti sul posto e subito impegnati nell’accertamento dei fatti e nel tentativo di tranquillizzare l’uomo e allontanare una bottiglia di vetro nella sua disponibilità, questi, che apparso in stato di alterazione psicofisica dovuto verosimilmente all’abuso di alcol,  ha iniziato a spintonarli e a proferire ogni sorta di minaccia e offesa nei loro confronti, arrivando a colpire con un calcio al ginocchio uno dei militari che riportava lievi lesioni.

Immobilizzato e condotto in caserma l’uomo ha reiterato le condotte oltraggiose, tentando di colpire i militari, uno dei quali veniva raggiunto da una sputo. Dichiarato in stato di arresto l’uomo, ritenuto altresì responsabile dei reati di percosse e lesioni personali nei confronti del direttore di gara e dello spettatore, veniva trattenuto in camera di sicurezza in attesa del giudizio con rito direttissimo previsto nella mattinata di domani.

Sulla base degli elementi sinora raccolti, nonché dalla dinamica dei fatti come emersa dalle persone sentite, tra cui il direttore di gara e lo spettare che, peraltro hanno presentato denuncia querela per quanto accaduto, si evince che, durante l’incontro, il direttore di gara aveva ammonito il figlio dell’arrestato il quale, dagli spalti aveva iniziato ad urlare ed offendere l’arbitro, suscitando la reazione di altri spettatori uno dei quali, solo perché aveva cercato di tranquillizzarlo, era stato minacciato, costringendo l’arbitro ad interrompere temporaneamente la partita.

Ristabilita la calma, la partita era proseguita regolarmente fino alla fine allorquando l’arbitro, poco prima di lasciare l’impianto, era stato aggredito dal medesimo uomo che gli aveva sferrato un pugno al volto, aggredendo anche un altro spettatore intervenuto in difesa del giovane arbitro, prima di essere definitivamente immobilizzato dai carabinieri. Il militare e lo spettatore feriti, ricorsi alle cure mediche, hanno riportato lesioni giudicate guaribili rispettivamente in 4 e 7 griorni mentre l’arbitro si riservava di fornire referto medico una volta recatosi in ospedale.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.