L’Antimafia torna nel Comprensorio, trovate 12mila tonnellate di rifiuti in pelle

Blitz in alcuni capannoni tra Pontedera e Santa Maria a Monte

Più informazioni su

Scarti di lavorazione delle pelli e stracci che, nelle ipotesi investigative, avrebbero dovuto essere smaltiti in modo illecito. Durante un’operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Firenze, che ha coinvolto 12 pattuglie della sezione di Polizia giudiziaria di Firenze e del nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale, sono stati trovati in capannoni tra Pontedera e Santa Maria a Monte.

Circa 12mila le tonnellate di rifiuti abbandonati e rinvenuti durante il blitz, principalmente scarti di lavorazione delle pelli, compreso il wet blue, un prodotto semilavorato del processo conciario, in pessimo stato di conservazione, tanto da poter essere considerato rifiuto. Sul posto è intervenuto anche personale Arpat.

In uno dei capannoni controllati è stata trovata, inoltre, anche una ingente quantità di stracci e di tessuti. Le ipotesi al vaglio degli investigatori sono quelle di traffico illecito di rifiuti e raccolta senza autorizzazione.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.