Quantcast

Gli rubano la bici a Pisa nel 2017, ritrovata dalla polizia a Firenze

Il costoso mezzo era nella disponibilità di un acquirente di droga

Non ha potuto contenere la gioia un uomo quando lunedì ha ricevuto un’inaspettata telefonata con la quale la polizia di Stato di Firenze lo informava che, durante un controllo, gli agenti del commissariato di Rifredi avevano ritrovato la sua bellissima e costosa bicicletta da corsa, rubata in un garage a Pisa nel lontano 2017.

Pagata ai tempi circa 6.500 euro, il lussuoso velocipede ha subito attirato l’attenzione dei poliziotti di Rifredi che, nei giorni scorsi, lo hanno trovato alle Cascine, in possesso di un consumatore di droga sintetica del tipo Shaboo.

Lunedì pomeriggio la squadra di  pg  stava effettuando una serie di controlli nel parco cittadino, quando gli agenti hanno assistito in diretta ad uno scambio di una piccola dose di shaboo per 50 euro.

Protagonisti della vicenda, un pusher filippino di 36 anni e il suo cliente, un connazionale di 23.

Il 36enne è stato denunciato per spaccio di droga, mentre l’acquirente, segnalato quale assuntore di sostanze stupefacenti.

Ultimato il controllo e sequestrata la droga, gli investigatori si sono concentrati sulla bici con la quale il 23enne si era presentato all’appuntamento.

Nonostante il mezzo non fosse più nuovo, le sue condizioni non lasciavano equivoci sull’ingente valore originario; inoltre, la taglia era troppo sproporzionata in relazione a quella del ciclista.

Così la Polizia ha effettuato una serie di accertamenti, scoprendo in poco tempo che la bicicletta era provento di furto: per il giovane consumatore di droga è scattata anche una denuncia per ricettazione.

Il giorno successivo il legittimo proprietario, felicissimo, è andato subito a riprendere la sua bici al commissariato di Rifredi.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.