Quantcast

Carenza di personale nell’Empolese Valdelsa: proclamato lo stato di agitazione

Attivate le procedure di conciliazione e raffreddamento

Il personale in servizio all’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa ha comunicato alla prefettura di Firenze lo stato di agitazione e la contestuale attivazione delle procedure di conciliazione e raffreddamento del conflitto.

“Ormai la carenza di personale è divenuta insostenibile, in particolare per quanto concerne la Polizia Municipale, falcidiata da pensionamenti e trasferimenti presso altri enti senza che tali cessazioni siano state in alcun modo sostituite – spiegano la Cgil e la Cisl -. Analoga situazione si avverte anche nel settore dei servizi sociali, per il quale è già in corso una verifica per valutare l’attivazione di meccanismi di legge che consentano assunzioni finanziate dallo Stato e fuori dai criteri di calcolo delle capacità assunzionali dei singoli comuni. Il perdurare di una situazione di penuria crescente, la mancanza di una delegazione trattante con cui confrontarsi, i ritardi accumulati nella contrattazione e nel confronto sindacale, stanno causando un forte e generalizzato malessere tra il personale”.

“Operare in condizioni di grande difficoltà e continuare a farlo nel tempo – proseguono i sindacati – produce un effetto negativo tra i dipendenti, che si sentono per questo abbandonati, e percepiscono una mancanza di attenzione rispetto al proprio lavoro, a ciò che svolgono quotidianamente. Durante le assemblee questo stato d’animo è stato espresso con forza, ed a questo sentimento i sindacati devono dare una risposta”.

“Chi lavora percepisce una sensazione di abbandono a causa di problemi irrisolti che si trascinano da anni e che certamente anche la pandemia ha contribuito ad aumentare: mancanze di risposte sotto il profilo contrattuale, mancanze per quanto concerne il salario accessorio, mancanza di risposte per quanto concerne il vestiario, ma soprattutto la mancanza di donne e uomini necessari ad effettuare il presidio del territorio ed i servizi che competono alla polizia oocale sono ormai evidenze che nessuno può negare – concludono le sigle sindacali – . Per questo abbiamo attivato la procedura davanti al Prefetto, e in quella sede chiederemo risposte ed impegni certi, che il personale dell’Unione non può più attendere invano.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.