Sangue e violenza al carcere di Sollicciano: una detenuta rischia il linciaggio e una poliziotta è stata aggredita

Il sindacato Sappe: "Servono interventi urgenti e strutturali che restituiscano la giusta legalità al circuito penitenziario"

Martedì di violenza, quello appena trascorso, nel carcere di Sollicciano a Firenze, dove una detenuta (da tempo protagonista di intemperanze ed atti violenti) ha prima litigato con un’altra reclusa, poi si è lesionata il corpo ed infine ha rischiato a sua volta di essere oggetto della reazione violenta delle altre ristrette.

La denuncia è del sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe.

Il segretario nazionale per la Toscana Pasquale Salemme spiega: “Il risultato è stato che le detenute volevano aggredirla e solo grazie all’intervento delle poliziotte si è evitato il peggio. Nel mentre le colleghe portavano la detenuta facinorosa fuori dalla sezione, una agente di polizia penitenziaria è stata violentemente aggredita con schiaffi e trascinata per le scale.  La poliziotta, portata al nosocomio cittadino, è stata refertata con una prognosi di sette giorni. Un fatto gravissimo, ancor più perché la detenuta non è nuova a fatti violenti e dovrebbe essere assegnata altrove”.

Per il segretario generale del Sappe Donato Capece, che esprime solidarietà e vicinanza all’agente aggredita, “servono interventi urgenti e strutturali che restituiscano la giusta legalità al circuito penitenziario intervenendo in primis sul regime custodiale aperto. I numeri degli eventi critici accaduti nelle carceri italiane nel primo semestre del 2021 sono allucinanti: 5.290 atti di autolesionismo, 44 decessi per cause naturali, 6 suicidi e 738 sventati dalla polizia penitenziaria, 3.823 colluttazioni, 503 ferimenti. In pratica, ogni giorno nelle carceri italiani succede qualcosa, ed è quasi diventato ordinario denunciare quel che accade tra le sbarre. le carceri sono un colabrodo per le precise responsabilità di ha creduto che allargare a dismisura le maglie del trattamento a discapito della sicurezza interna ed in danno delle donne e degli uomini della polizia penitenziaria”.

Il leader nazionale del Ssappe denuncia, infine, come “la consistente presenza di detenuti con problemi psichiatrici è causa da tempo di gravi criticità per quanto attiene l’ordine e la sicurezza dell’Istituto. Il personale di Polizia Penitenziaria è stremato dai logoranti ritmi di lavoro a causa delle violente e continue aggressioni. Ed è grave che, pur essendo a conoscenza delle problematiche connesse alla folta presenza di detenuti psichiatrici, le autorità competenti non sia ancora state in grado di trovare una soluzione”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.