Quantcast

Operazione Mandra: in un’azienda agricola del pisano la base del traffico di droga tra Toscana e Sardegna

Sei le persone finite in manette

Blitz all’alba di oggi (28 settembre): nell’ambito dell’inchiesta Mandra sei persone, tra italiani e albanesi, coinvolti a vario titolo in un traffico di sostanze stupefacenti fra la Toscana e la Sardegna, cocaina, eroina e marijuana in grandi quantità, sono finite in manette per mano dei carabinieri.

Per un settimo complice è scattato l’obbligo di dimora mentre altri 4 sono stati denunciati.

La base del narcotraffico era in un’azienda agricola e di allevamento con sede in provincia Pisa, a Fauglia, gestita dal capo della banda, un uomo di 44 anni di Nuoro, residente da anni a Crespina

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il capo dell’organizzazione reperiva la droga da due cittadini albanesi residenti a Livorno e provvedeva ad arruolare i corrieri che, via mare, portavano lo stupefacente in Sardegna.

L’accusa è associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e “traffico illecito di sostanze stupefacenti, localizzate nelle province di Livorno, Pisa, Cagliari, Nuoro e Mantova.

I militari dell’Arma hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal  gip del tribunale di Firenze, su richiesta della direzione distrettuale antimafia di Firenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.