Quantcast

Diritti per l’infanzia e l’adolescenza, un nuovo sito al servizio di famiglie e territorio

L’assessora Spinelli: "Consentirà uno scambio costante di buone pratiche, opportunità, idee e atti attraverso un unico luogo".

Permettere a sempre più persone e più agevolmente di reperire informazioni e documentazioni sui diritti dell’infanzia, dell’adolescenza e delle famiglie. È questo l’obiettivo del nuovo sito, migliorato e potenziato, del Centro regionale di documentazione per l’infanzia e l’adolescenza, illustrato oggi (martedì 14 settembre) a Palazzo Strozzi Sacrati di Firenze. Il centro, che nasce nel 2000 per supportare attività e interventi della Regione Toscana in materia di minori e famiglia, è gestito dall’Istituto degli innocenti. Di sua competenza anche la gestione dell’Osservatorio regionale sui minori.

Alla presentazione dello spazio online sono intervenute le assessore alle politiche sociali Serena Spinelli e all’istruzione e formazione Alessandra Nardini, insieme alla presidente dell’Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida. Nel corso della conferenza è stato proiettato un video tutorial di navigazione del sito che sarà on line dalla prossima settimana, con accesso all’indirizzo http://www.minoritoscana.it

“Lo scopo – ha detto l’assessora Spinelli – è mettere a disposizione uno strumento che consenta uno scambio costante di buone pratiche, opportunità, idee e atti attraverso un unico luogo. Dotare la Toscana ed i servizi che lavorano sul tema dei minori di una comunità di pratica virtuale per intervenire e per dare omogeneità su interventi e azioni, rispetto a uno dei temi più sensibili e delicati ovvero le politiche sui minori, la loro tutela e la possibilità di metterli in condizione, in futuro, di essere cittadini competenti e attivi.

“Questa nuova versione del sito – ha aggiunto l’assessora Nardini – è uno degli strumenti che rientrano nel protocollo che ogni anno rinnova la nostra collaborazione con l’Istituto degli innocenti che ringrazio per il prezioso lavoro svolto. Relativamente alla parte che riguarda l’area educativa, l’attività portata avanti insieme all’istituto è importante per il miglioramento continuo del sistema toscano 0-6. Il sito, migliorato soprattutto nella sua fruibilità, servirà a creare una comunità per diffondere e scambiare buone pratiche e progetti sui territori, tutto al fine di migliorare la programmazione in materia e quindi l’efficacia degli interventi”.

“Il nuovo sito servirà a migliorare la nostra comunicazione e il passaggio di informazioni e notizie da noi alle molte persone interessate ai temi che trattiamo – ha commentato Maria Grazia Giuffrida – Il web ha permesso, a chi  svolge un’attività come la nostra, non solo di promuovere in modo più  efficace i propri servizi, diffondere le proprie iniziative e ricerche entrando più intensamente ed efficacemente in contatto con il proprio pubblico di riferimento, ma anche di poter intercettare e comprendere meglio i bisogni dell’utenza riducendo, significativamente, le distanze che, in passato, ci separavano dalle persone e dai territori. Il nuovo sito servirà a creare una ‘comunità operativa’ per condividere informazioni, pratiche, ricerche e quant’altro di utile al lavoro per la salvaguardia dei diritti dell’infanzia, dell’adolescenza e delle famiglie”.

Il nuovo sito, aggiornato nella sua forma grafica, nelle modalità di ricerca e reperimento delle informazioni ha l‘obiettivo prioritario di aprirsi ad un’utenza più ampia, interessata ai temi dei diritti dell’infanzia, dell’adolescenza e delle famiglie, ma anche quello di definirsi quale utile strumento per zone distretto e i servizi territoriali, che necessitano di informazioni, dati e documentazione per la programmazione delle loro attività istituzionali, oltre che per innovare e sperimentare nuove proposte. Oltre alla rassegna delle normative di settore di livello internazionale, nazionale e regionale, nel sito troverà spazio una sezione di scambio e condivisione di progetti, azioni, iniziative e buone pratiche portate avanti sui territori, di cui la Toscana è particolarmente ricca.

Uno strumento polivalente che, in questa versione rinnovata, punta a diventare luogo di scambio e confronto tra realtà regionali diverse che possano anche così trovare opportunità di incontro e di reciproca crescita e miglioramento delle proprie pratiche dirette alla tutela e alla promozione dei diritti dei minori e a sostegno della genitorialità.

L’iniziativa si colloca nell’ambito di una serie di iniziative e di incontri con i territori e con le operatrici e gli operatori del pubblico e del privato sociale che lavorano sui diritti dell’infanzia dell’adolescenza e delle famiglie che l’assessora Spinelli ha in programma nei prossimi mesi di settembre e ottobre. Il prossimo appuntamento è a Siena, con la Società della salute Senese, al centro adozioni, per una visita e l’avvio del percorso formativo regionale Genitorialità adottiva: legislazione, desideri e nuove prospettive.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.