Quantcast

Falsi contratti di fornitura di energia elettrica, denunciata una coppia

Nei guai anche una donna che ha clonato una carta di credito per effettuare acquisti on line

I carabinieri di Montevarchi, impegnati  in un servizio contro le truffe sul web, hanno denunciato un uomo e una donna di Arezzo che attivavano contratti di fornitura di energia elettrica per inesistenti utenze disseminate in tutta la provincia di Arezzo, dal Valdarno al Casentino, dalla Val Tiberina alla Val di Chiana. Il danno complessivo è stato quantificato, per il solo periodo 2018-2019, in alcune migliaia di euro.

In un caso, per il  perfezionamento del contratto, l’agente infedele ha utilizzato anche una carta d’identità contraffatta, ragione per cui gli è stata contestata anche la fabbricazione di documenti di identificazione falsi.

I carabinieri di Cavriglia, invece, hanno smascherato una donna di origini campane, già nota alla giustizia, per aver clonato la carta di
credito di una 60enne per effettuare acquisti online per un ammontare  complessivo di quasi 2mila euro. La truffatrice, che proprio nelle  ultime settimane era stata destinataria di un’ordinanza cautelare per reati simili, è detenuta nel carcere di Pozzuoli.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.