Quantcast

Al via campagna ‘L’unione fa la sicurezza’ di Polstrada e Autostrade per l’Italia

L'obiettivo è di informare gli automobilisti sui gravi rischi in cui può incorrere chi guida in modo non corretto e senza rispettare le regole

Uso non corretto dello smartphone, eccesso di velocità e cinture di sicurezza non allacciate, assunzione di alcool e droghe sono comportamenti scorretti e pericolosi che, secondo le più recenti statistiche, causano il maggior numero di incidenti su strade e autostrade.

Ed è proprio sulla messa in guardia da queste condotte che si concentra la campagna di comunicazione L’Unione fa la Sicurezza, nata dalla collaborazione tra la polizia di Stato e Autostrade per l’Italia. On air dalla fine di luglio, con i primi giorni di maggior transito per il periodo vacanziero, e attiva per tutto il periodo estivo sulle principali emittenti radiofoniche, oltre che su web e social, ha l’obiettivo di informare gli automobilisti sui gravi rischi in cui può incorrere chi guida in modo non corretto e senza rispettare le regole. Una attenzione alla sicurezza durante gli spostamenti estivi che prevede anche assistenza e informazione agli utenti lungo la rete autostradale nei giorni a maggior transito, come il prossimo weekend di esodo.

Il camper azzurro della polizia di Stato, insieme a mezzi e operatori della Polstrada  e personale di Aspi saranno la squadra presente presso le aree di servizio caratterizzate dal maggior flusso turistico, per prestare assistenza e caring agli automobilisti: dallo screening sanitario di primo livello – praticato da medici della Croce Rossa che partecipano attivamente all’iniziativa – a informazioni sul traffico in tempo reale, oltre a notizie e consigli per una guida corretta e alla distribuzione di materiale informativo/interattivo per viaggiare in modo sicuro. L’iniziativa proseguirà anche nel weekend alle porte e fino a domenica 8 agosto – quando è previsto il bollino nero delle partenze per l’esodo estivo – nelle aree di servizio Secchia Ovest (che intercetta i flussi all’altezza di Modena in arrivo dall’A1 e dall’A22) e Bevano Ovest (per i flussi in viaggio sull’A14 Adriatica). Mentre per quanto riguarda il contro esodo, il servizio sarà presente da sabato 21 agosto a domenica 29 agosto nelle aree di servizio Secchia Est (A1 Modena) e Flaminia Est (A1 Roma).

Presso le aree di sosta, gli utenti potranno infine conoscere in anteprima i servizi di Free To X, nuova società del gruppo Aspi dedicata alla sostenibilità del viaggio, tramite l’installazione di colonnine per la ricarica elettrica ad alta potenza in autostrada e attraverso la app per il Cashback del pedaggio in caso di ritardi a seguito di lavori di manutenzione sulle corsie (gli automobilisti interessati potranno partecipare alla fase di test del nuovo servizio, sarà eseguita fino alla seconda metà di settembre).

““Questa rinnovata collaborazione con la olizia di Stato è per noi di fondamentale importanza perché soltanto un presidio e un impegno costante e congiunto possono portare risultati per la sicurezza alla guida e la prevenzione degli incidenti. La sicurezza, sia delle infrastrutture sia della viabilità, è infatti uno dei fondamentali obiettivi che l’azienda sta perseguendo con impegno e rigore; questa iniziativa vuole essere una rappresentazione concreta dell’attenzione che ogni giorno le donne e gli uomini della Polizia e di Autostrade per l’Italia prestano nel loro operato lungo le arterie autostradali, soprattutto in giorni di partenze ed elevati spostamenti come quelli estivi. Voglio personalmente ringraziare ciascuno di loro per portare avanti senza sosta le delicate attività che svolgono per favorire i transiti e la sicurezza in viaggio –  dichiara l’amministratore delegato di Aspi, Roberto Tomasi – Questa importante campagna – lanciata nei giorni a maggior transito estivo – è il primo passo di ASPI lungo un progetto più ampio, all’insegna della sicurezza e della sostenibilità. I prossimi appuntamenti di questo programma ci vedranno impegnati da settembre con un’operazione di sistema dedicata alla verifica dell’idoneità dei mezzi pesanti; a cui seguiranno a ottobre un programma di educazione nelle scuole italiane, per coinvolgere anche le famiglie e più giovani; e a novembre un evento dedicato alla mobilità sostenibile e integrata insieme a alle Istituzioni e a tutti i maggiori player nazionali che operano per lo sviluppo del settore e per l’intermodalità”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.