Quantcast

Uccise la suocera e abbandonò il cadavere in un fossato a Livorno: condannata a 24 anni

Il pm aveva chiesto l'ergastolo

La corte d’assise di Livorno ha condannato a 24 di carcere Adriana Gomes. L’accusa, per la donna, è di aver ucciso  Maria Gaggioli, l’anziana madre di suo marito di 76 anni.

La donna fu ritrovataa cadavere in un fosso a Riotorto nell’agosto dello scorso anno.

Il pubblico ministero aveva chiesto l’ergastolo-

Per l’accusa l’anziana fu uccisa da una dose letale di Duotens sciolta nel caffè. Il farmaco era in casa, l’anziana si curava  l’ipertensione.

A dicembre scorso fu respinta la richiesta di rito abbreviato.

“La Gomes era accusata di omicidio, occultamento di cadavere e truffa – ha spiegato l’avvocato della difesa Francesco Nardini – evidentemente l’impianto accusatorio non è stato ritenuto così concreto per l’ergastolo. Hanno applicato una pena minima ritenendo che ci fossero i presupposti per omicidio ma non tali da arrivare alla massima pena. Tra 90 giorni leggeremo le valutazioni e a quel punto decideremo se fare appello o meno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.