Quantcast

Otto detenuti sul tetto: protesta al carcere di Sollicciano

Dopo aver rotto le finestre dei locali docce sono riusciti ad arrampicarsi

Protesta al carcere di Sollicciano a Firenze.

Otto carcerati hanno incendiato i materassi e divelto le inferriate e sono riusciti ad arrampicarsi sul tetto dell’istituto penitenziario

La protesta,  che è stata resa nota dal sindacato Uil Pa di Firenze, con il suo segretario generale Antonio Mautone,  sarebbe scaturita dal mancato ottenimento di alcuni benefici chiesti alla magistratura di sorveglianza.

“Ancora una volta dobbiamo denunciare eventi violenti che riguardano l’istituto detentivo fiorentino – afferma – La Uil proprio pochi giorni fa aveva denunciato lo stato di abbandono in cui versa Sollicciano, un istituto che ogni giorno vede registrare al suo interno manifestazioni di violenza sia tra la stessa popolazione detenuta che verso gli operatori di polizia penitenziaria che quotidianamente operano all’interno della struttura.È ovvio che queste nostre denunce non devono creare allarmismi, conclude Mautone, ma è del tutto evidente che la frequenza con la quale si registrano eventi critici all’interno delle carceri impone di suggerire ai vertici dell’amministrazione un cambio di rotta e soluzioni immediate a tutela degli operatori che vi operano quotidianamente”

Gli agenti hanno condotto una negoziazione con i detenuti per farli scendere dal tetto, ma per adesso senza esito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.