Quantcast

Video e foto di minori sul computer da scambiare in rete, arrestato per pedopornografia un 55enne di Livorno

L'indagine è partita da una segnalazione arrivata dagli Usa

E’ finito ai domiciliari un 55enne di Livorno arrestato dalla polizia postale per pedopornografia: sul suo computer video e foto di minori da scambiare in rete.

La Postale lo ho colto in flagrante, oggi (18 giugno). L’indagine è scattata dopo una segnalazione arrivata dagli Stati Uniti

L’uomo finito in manettte è un impiegato, accusato di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico.

Gli agenti della sezione labronica, su mandato emesso dalla procura di Firenze, lo hanno beccato al pc, acceso e funzionante,  con un software utilizzato per lo scaricamento e la condivisione di file sulla rete, molto diffuso tra gli utenti.

La perquisizione ha portato anche al sequestro di materiale informatico che ora sarà sottoposto ad accertamenti tecnici da parte del personale specializzato.

La polizia postale ricorda a tutti i cittadini che dovessero erroneamente visionare un file o un’immagine video a carattere pedopornografico durante la navigazione in rete, di segnare subito il link. La legge sulla pedopornografia in rete prevede pesanti sanzioni.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.