Quantcast

Tenta di rubare nell’auto di un bagnante: due cittadini lo bloccano e i carabinieri lo arrrestano

ll topo d'auto è finito in manette

Tenta di rubare nell’auto di un bagnante, ma gli va male: arrestato dai carabinieri

Con l’avvio della stagione estiva e il crescente flusso di persone che approfittano delle alte temperature per trascorrere una giornata al mare lungo la costa della provincia di Grosseto, sono aumentate di conseguenza le segnalazioni di furti su auto, in danno di coloro che parcheggiano i veicoli in prossimità delle spiagge

In particolare, spiegano i vertici dell’Arma, era stato notato un aumento di casi tra Follonica e Scarlino, dove i carabinieri di Follonica hanno predisposto una serie ditali servizi mirati, con lo scopo di prevenire i furti.

Nella giornata di ieri (16 giugno), è  arrivata una segnalazione da parte di due cittadini, che transitando in quel momento sulla strada provinciale 158, avevano notato strani movimenti: un uomo cercava infatti in tutti i modi di infilare la mano all’interno del finestrino – lasciato aperto quel tanto da far circolare un filo d’aria nell’abitacolo – di un veicolo in sosta, dove erano custoditi oggetti vari e denaro contante appartenenti ad un uomo che aveva lasciato lì la macchina per trascorrere qualche ora al mare.

Quando si è accorto di essere stato notato,  l’uomo ha cercato di risalire nella sua auto e darsi alla fuga. L’intervento dei due uomini che avevano fatto la segnalazione ai carabinieri ha evitato che ciò accadesse: i due infatti gli hanno sbarrato la strada, consentendo ad una pattuglia della stazione  di Scarlino di arrivare pochi minuti dopo, conducendolo in caserma.

Il fermato, di origini campane, è stato sottoposto a perquisizione, da cui sono spuntati alcuni oggetti con cui aveva poco prima cercato di forzare l’auto. Si è poi scoperto che il malintenzionato, da solo, era partito da Napoli in auto, allo scopo di trattenersi a Scarlino qualche giorno, dove probabilmente avrebbe messo a segno una serie di furti.

Determinante è stato, in questo caso, il senso civico e la collaborazione fornita dai due cittadini che hanno contribuito efficacemente all’arresto. I carabinieri intanto stanno vagliando eventuali responsabilità dell’uomo anche per altri fatti analoghi avvenuti proprio nel comune di Scarlino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.