Quantcast

Frode ai danni di Ferrrovie dello Stato, in cinque nei guai: sequestrati beni per 600mila euro

Tra gli indagati anche un commercialista lucchese

Seicentomila euro, tra immobili, auto, vetture e denaro sui conti corrrenti, sono stati sequestrati dalle fiamme gialle di Pistoia.

Cinque gli indagati, un commercialista lucchese e quattro imprenditori (tre pistoiesi e uno spagnolo) amministratori di una società pistoiese.

L’accusa è di bancarotta fraudolenta e sottrazione al pagamento delle imposte.

Da quanto emerso dall’inchiesta della guardia di finanza i cinque indagati avrebbero cercato di omettere lo stato di fallimento della società e la sua messa in liquidazione per intascare l’indennizzo elargito dalle Ferrovie dello Stato perché l’azienda si trovava nella zona interessata dalle espropriazioni per la realizzazione del raddoppio della linea ferroviaria Pistoia-Montecatini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.