Quantcast

Visita a Firenze del primo ministro albanese Edi Rama

Il premier ha visitato anche la Galleria degli Uffizi

Visita a Firenze del primo ministro albanese Edi Rama, da pochi giorni rieletto,  Il premier albanese ha deciso la sua prima visita ufficiale all’estero a Firenze, dove oggi partecipa alla decima edizione di The State of the Union.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ieri sera (5 maggio) ha ricevuto Edi Rama in città, nel segno di una forte e solida amicizia personale e della collaborazione ormai ventennale tra Firenze e Tirana, città gemella di cui Rama è stato sindaco.

La famiglia del premier albanese (Rama è con la moglie e il figlio piccolo) è stata ricevuta all’arrivo da Nardella, anche lui con la famiglia, e dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt per una breve visita agli Uffizi, iniziata proprio dalle nuove sale da poco inaugurate.

Poi la delegazione si è spostata a Palazzo Vecchio, dove c’è stato un incontro molto commovente con l’Arcivescovo di Firenze, Cardinale Giuseppe Betori e il Cardinale Ernst Simoni, martire albanese condannato a morte e incarcerato per 28 anni dal dittatore albanese Enver Hoxha.

A Palazzo Vecchio erano inoltre presenti il prefetto Alessandra Guidi, il direttore dell’Istituto Universitario Europeo Renaud Dehousse e il segretario generale dell’Iue Marco del Panta, oltre all’architetto Marco Casamonti, che ha realizzato il nuovo stadio di Tirana e molte altre opere pubbliche e private nella capitale albanese.

Il premier Edi Rama e il sindaco Dario Nardella hanno parlato della collaborazione tra Firenze e l’Albania, dell’evoluzione della situazione pandemica, della situazione politica albanese e italiana e delle prospettive di collaborazione tra le città albanesi e le città europee. Il presidente Rama ha invitato Nardella in Albania.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.