L’Italia si cura con il lavoro: presidi in Toscana per il 1 maggio

Cgil, Cisl e Uil, nonostante il Covid, tengono viva la festa dei lavoratori in alcuni luoghi simbolo

L’italia si cura con il lavoro. Iniziative di Cgil, Cisl e Uil il 1 maggio a  Barberino di Mugello, Empoli, Sesto Fiorentino e Greve in Chianti

Il Primo Maggio è festa indiscussa dei lavoratori da oltre cento anni ed è festa nazionale. Il virus non è stato ancora sconfitto e le conseguenti restrizioni non permettono ai sindacati di celebrare questa giornata nelle modalità tradizionali per il secondo anno consecutivo. In questo contesto le segreterie provinciali fiorentine di Cgil, Cisl e Uil hanno deciso comunque di tener viva questa festa, nel rispetto delle normative anti Covid-19, in alcuni luoghi simbolo.

“Le nostre bandiere ed i nostri colori  – spiegano i sindacati – saranno presenti a Barberino del Mugello dalle10 alle 11,30 in piazza Cavour; ad Empoli con un presidio dalle 10,30 alle 12 in piazza della Vittoria; a Greve – Passo dei Pecorai, dalle 10 al cementifico di Testi con i lavoratori che da ottobre lottano per difendere il proprio futuro; a Sesto Fiorentino, alle 10, in piazza De Amicis, e deposizione fiori in largo 5 Maggio. Questi presi di unitari vogliono rappresentare la forte convinzione che per far ripartire i nostri territori e tutto il nostro Paese, serve il lavoro. Quel lavoro che ha in sé dignità, valore sociale, tutele e patto generazionale. Una politica del lavoro che guarda con fiducia al futuro e con obiettivi possibili. Un Primo Maggio che guarda alla sicurezza sui luoghi di lavoro, un Primo Maggio che passa attraverso la programmazione della campagna nazionale per le vaccinazioni”.

“Questi presidi – aggiungono le sigle sindacali – vogliono anche sottolineare la vocazione prima del sindacato che è quella di stare insieme e vicini ai lavoratori. Questo anno lascerà una traccia indelebile nel nostro mondo del lavoro; siamo pienamente dentro una nuova stagione culturale del lavoro che porterà nuovi diritti, nuove modalità per stimolare la crescita del nostro Paese, nuove opportunità per sedersi ai tavoli delle trattative aziendali, territoriali e nazionali con l’obiettivo di aver cura di ogni singolo lavoratore. Nessuno è un numero, ma tutti abbiamo un preciso valore. E L’Italia si cura con il lavoro, è lo slogan che quest’anno è stato scelto da Cgil-Cisl-Uil per celebrare il Primo Maggio”

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.