Quantcast

Spaccia anche mentre è ai domiciliari, in manette 45enne

Indagini partite ad ottobre dopo il ritrovamento di 4 etti di cocaina sotterrati al cimitero di San Mauro a Signa

Accusato di spaccio un 45enne di origine campana, già conosciuto per reati legati al traffico di stupefacenti.

Il gip del tribunale di Firenze ne ha disposto il carcere con una nuova ordinanza di custodia cautelare, eseguita ieri mattina (19 aprile)
dalla sezione antidroga della squadra mobile fiorentina ed emessa nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla procura del capoluogo.

Le indagini sono partite lo scorso ottobre dopo l’anomalo ritrovamento di oltre 4 etti di cocaina sotterrati nel parcheggio del cimitero di San Mauro a Signa. A guidare gli agenti all’insolito nascondiglio era stato un 28enne fiorentino fermato durante un controllo di notte nei pressi di via della Saggina.

Nel corso della perquisizione di un immobile nelle sue disponibilità, la polizia sequestrò mezzo chilo di cocaina e circa 300 grammi di altre sostanze stupefacenti tra hashish e marijuana e, nel prosieguo dell’attività, gli agenti scoprirono al cimitero oltre quattro etti e mezzo di cocaina.

Dopo l’arresto del 28enne gli inquirenti sono andati a fondo nella vicenda allo scopo di ricostruire la provenienza e la destinazione della droga sequestrata. Per gli investigatori, dell’approvvigionamento della cocaina, se ne sarebbe curato proprio il 45enne  finito in carcere. La droga sarebbe stata poi affidata al 28enne che avrebbe partecipato all’attività di spaccio come galoppino, vendendo bustine di cocaina per conto del primo.

A prendere gli appuntamenti con i clienti per la consegna della merce ci avrebbe infatti pensato sempre il campano di 45 anni attraverso un’utenza telefonica dedicata solo ed esclusivamente a questo servizio. Ai vari acquirenti veniva poi comunicata la data, l’ora e il luogo per la vendita della coca, alla quale avrebbe appunto provveduto il ragazzo a suo tempo finito in manette. Il sistema sarebbe andato avanti persino nel periodo durante il quale il destinatario della misura cautelare era già agli arresti domiciliari nella sua abitazione fiorentina.

Da ieri il 45enne si trova al carcere di Sollicciano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.