Quantcast

Covid, 7 studenti contagiati alla Scuola Normale di Pisa

Lezioni solo on line: disposta la chiusura temporanea della mensa, delle aule e della biblioteca dell'ateneo

Sette casi di Covid alla Normale di Pisa: disposta la chiusura temporanea della mensa, delle aule, della biblioteca. La didattica proseguirà online, e il servizio mensa è garantito agli allievi residenti nei collegi con pasti da asporto.

A renderlo noto, sul sito, è la stessa Scuola Normale Superiore che comunica che, in seguito al monitoraggio compiuto nei giorni scorsi tra i propri allievi residenti nei collegi a Pisa, 7 tra studenti e studentesse sono risultati positivi al Covid-19. I tamponi e il relativo tracciamento dei contatti stretti sono stati effettuati dal personale sanitario della Asl Toscana Nord Ovest. Tutti i ragazzi e le ragazze presentano discrete condizioni di salute, e sono in isolamento nelle proprie stanze, così come in autoisolamento sono gli studenti risultati contatti stretti dei positivi. La Asl Toscana Nord Ovest, in accordo con la Scuola Normale, provvederà nei prossimi giorni a trasferire gli allievi che hanno contratto il virus negli alberghi sanitari a disposizione sul proprio territorio di competenza.

In attesa che si completi lo screening tra la popolazione studentesca, la direzione della Scuola Normale ha predisposto in via precauzionale la chiusura della mensa, l’interruzione dell’attività didattica in presenza e delle attività di studio presso gli spazi comuni (aule, aule studio), la chiusura della biblioteca e dell’archivio. Il servizio mensa viene garantito con pasti da asporto, per adesso agli allievi residenti nei collegi.

“Siamo in costante contatto con le autorità sanitarie e con gli allievi per il continuo monitoraggio della situazione – è il commento del direttore della Scuola Normale, Luigi Ambrosio -. In una circostanza così difficile da gestire, desidero sottolineare la professionalità e la disponibilità del personale sanitario della Asl Toscana Nord Ovest, che ha fornito un supporto efficace alla Scuola Normale sia per l’attività di screening, sia per l’assistenza agli studenti risultati positivi che per il successivo trasferimento negli alberghi sanitari. È stato anche importante e fattivo il supporto alle decisioni medico-sanitarie da adottare della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio e della Scuola Sant’Anna per il coordinamento delle operazioni. E vorrei ringraziare tutti i nostri studenti, che responsabilmente si stanno impegnando a limitare allo stretto necessario gli spostamenti. La Scuola continuerà ad erogare tutti i propri servizi al massimo livello che ci è consentito in questa fase emergenziale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.