Quantcast

Tifoso della Juventus litiga durante la partita e finisce in carcere

Litiga per la squadra del cuore e finisce in carcere.

E’ accaduto a Mulazzo dove  i carabinieri hanno arrestato un 34enne di origine marocchina ma da tanti anni residente a La Spezia. L’uomo stava scontando una pena di oltre 9 anni e mezzo di reclusione che, dopo un periodo di detenzione al carcere di Massa, era riuscito a tramutare in misura alternativa presso strutture di recupero. Era arrivato da poco più di un mese in una comunità di recupero di Boceda ed avrebbe terminato la sua pena alla metà di marzo tornando finalmente libero.

La sua passione per il calcio e per la Juventus però, gli ha fatto un brutto scherzo. Una domenica sera, dopo una giornata di lavoro nella comunità, il 34enne si gode una partita di calcio della sua squadra del cuore, ma per futili passioni calcistiche litiga con un altro ospite di tutt’altra fede. I due hanno iniziato ad offendersi reciprocamente fino a che si fa scappare un pugno sferrato al volto del suo contendente. I carabinieri hanno relazionano il tutto al magistrato di sorveglianza di Massa che ha disposto la sospensione della misura alternativa con conseguente traduzione in carcere del manesco tifoso.

Il giorno della liberazione diventa quindi più lontano: la pena sarà ricalcolata senza i benefici di legge, rischiando qualche anno in più.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.