Quantcast

Piante ornamentali, ristori straordinari in arrivo per le aziende del settore floricolo

Inizialmente escluse dal bando regionale avranno tempo fino al 19 novembre per presentare la domanda

Più informazioni su

Ristori straordinari per le aziende del settore floricolo che producono piante ornamentali da fiore in vaso che hanno subito un notevole calo delle vendite (-30%) tra marzo e aprile 2019.

A prevederlo è il bando della Regione Toscana. Per presentare le domande, corredate dalla documentazione necessaria, le imprese hanno tempo dal 21 ottobre fino alle 13 del 19 novembre.

“Il settore era stato inizialmente escluso. Un’esclusione che avevamo fatto notare e nei confronti del quale la Regione Toscana si è subito attivata per trovare risorse e preparare un percorso su misura del settore – commenta il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi -. E’ un’altra concreta risposta ad una reale esigenza di un comparto, quello della produzione ornamentale di piante in vaso che è molto diffuso in tutta la Toscana e che ha subito pesanti perdite durante il durissimo lockdown con milioni di piante al macero ed un crollo del 90% dei fatturati. Per tornare ai livello pre-crisi ci vorranno almeno due-tre anni. Ogni risorsa a sostegno della ripartenza è una risorsa che accorcia queste distanze”.

Tra i requisiti per l’accesso alla misura straordinaria, oltre alla regola iscrizione alla Camera di Commercio l’azienda deve aver presentato un piano colturale nell’annualità 2019 e/o 2020 come rilevabile sulla posizione anagrafica nel sistema informativo Artea, aver avuto una percentuale, pari ad almeno il 30%, di diminuzione del fatturato riferito alla sola vendita di piante ornamentali da fiore in vaso, calcolata in base al confronto tra la sommatoria degli importi delle fatture o altri documenti fiscali comprovanti la vendita dei prodotti del periodo marzo-aprile 2019 e quella delle analoghe fatture attive o altri documenti fiscali di vendita dello stesso periodo del 2020; non aver già beneficiato della sovvenzione di cui al bando sulle disposizioni per la concessione di una sovvenzione diretta alle imprese floricole con decreto dirigenziale 11774 del 23 luglio 2020;  aver avuto nell’annualità 2019, un fatturato per la vendita di piante ornamentali da fiore in vaso, pari ad almeno 10 mila euro e non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione coattiva, liquidazione volontaria, scioglimento e liquidazione, concordato preventivo (ad eccezione del concordato preventivo con continuità aziendale), e ogni altra procedura concorsuale prevista dalla legge fallimentare e da altre leggi speciali, né avere in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni nei propri confronti.

I richiedenti devono presentare specifica domanda di aiuto mediante procedura informatizzata impiegando la modulistica che sarà resa disponibile sulla piattaforma gestionale gestita da Artea raggiungibile dal sito artea.toscana.it.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Toscana in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.